Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Commissioni consiliari > V Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

V Commissione - Verbale

Seduta del 21-03-2017 ore 14:30

 

Consiglieri componenti la Commissione: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Felice Casson, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Andrea Ferrazzi, Gianpaolo Formenti, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman, Deborah Onisto (sostituisce Luca Battistella), Paolo Pellegrini (assiste), Nicola Pellicani (sostituisce Felice Casson), Francesca Rogliani (sostituisce Barbara Casarin), Monica Sambo (sostituisce Andrea Ferrazzi), Silvana Tosi (sostituisce Marta Locatelli)

 

Altri presenti: Assessore Massimiliano De Martin, Direttore Raffaele Pace, Dirigente Vincenzo de Nitto, Funzionaria Cristiana Scarpa, Consigliera comunale Monica Sambo

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Esame della proposta di deliberazione PD 63 del 16/02/ 2017 – Presa d'atto di non pervenute osservazioni e approvazione della Variante n.12 al Piano degli Interventi, per l'adeguamento delle “ attrezzature di interesse comune” della Città Antica, riguardante gli immobili per l'amministrazione della giustizia e le strutture assistenziali dell' IRE
  2. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 340 (nr. prot. 31) con oggetto "Raccolta rifiuti dai canali di Venezia e disposizione di opportune norme gestionali e comportamentali atte a ridurne la presenza", inviata da Monica Sambo
  3. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 417 (nr. prot. 70) con oggetto "RACCOLTA RIFIUTI DAI CANALI PRINCIPALI DI VENEZIA NELLA GIORNATA POSTUMA ALLA FESTA DEL REDENTORE E DISPOSIZIONE DI UN SERVIZIO DI CONTROLLO AMBIENTALE DURANTE LA FESTIVITA’", inviata da Monica Sambo

Verbale

Alle ore 14.45 la Presidente Lorenza Lavini, constatato il numero legale, legge l'ordine del giorno e spiega il parere della Municipalità relativo alla proposta di deliberazione.

DE NITTO ricorda che trattasi di una delibera adottata in luglio 2016 e pubblicata ad agosto 2016 con non pervenute osservazioni e parere favorevole della Municipalità. Spiega la soppressione dello standard della Ca' di Dio. Fa sapere che la commissione della Municipalità si è espressa favorevolmente perché si è stralciato un edificio.

SCANO chiede spiegazioni sulla fase di pubblicazione.

DE NITTO risponde al consigliere Scano ricordando i tempi di pubblicazione.

LAVINI propone che la proposta di deliberazione venga licenziata in Allegato A. La commissione concorda. Invita i commissari a proseguire con l'o.d.g. invitando la consigliera Sambo a introdurre le proprie interpellanze.

SAMBO introduce l'interpellanza nr.340 auspicando che per questa estate la situazione non si ripresenti. Sottolinea come la questione ambientale sia importante. Pone una riflessione sulla bassa presenza dei cestini in città. Sottolinea che negli imbarcaderi talvolta mancano i cestini per le sigarette. Ricorda i porta mozziconi portatili da distribuire in città, e i raccogli rifiuti non utilizzati per motivi tecnici. Pone una riflessione sui Take Away e sui rifiuti prodotti da questi negozi. Propone sponsorizzazioni su progetti ad hoc, corsi obbligatori nelle scuole e centri di raccolta per il vetro e per la plastica. Prosegue introducendo l'interpellanza nr.417 sottolineando l'intervento di VERITAS che in questi frangenti sembra insufficiente.

C.SCARPA fa sapere che la situazione del rapporto dei cestini è proporzionata alla capacità di svuotamento. Pone una riflessione sul fatto che la mancanza di cestini potrebbe essere letta come positiva se vista dal punto di vista psicologico, di solito i cestino non svuotati e pieni di immondizia vengono riempiti ancora di più peggiorando la situazione. Ritiene che aumentando i cestini non si otterrebbe per forza una città più pulita, educare i turisti su questo tema potrebbe risultare molto più importante.
Propone una raccolta dei rifiuti più centralizzata anche con hostess, e per gli esercenti della città antica si potrebbe proporre l'adozione di un cestino una scontistica sulla TARI.
Sottolinea che in ogni caso tutti i cestini della città antica vengono svuotati almeno una volta al giorno e, in zone particolari, anche più volte.

DE MARTIN condivide quanto detto da C. Scarpa e pone una riflessione sullo svuotamento dei cestini e l'opportunità di sviluppare delle politiche educative rivolte verso i turisti, con particolare attenzione a quelli che arrivano con navi a cui viene fornito il pranzo al sacco. Ricorda che per quanto riguarda la situazione dei rifiuti in acqua, c'è un'esperienza su cui riflettere; il nome di questa sperimentazione è : “Dont Waste Venice”. Ritiene che non sia giusto pagare più imposte sui rifiuti a causa dei maleducati.

SCARPA C. spiega che ovviamente le eventuali implementazioni del servizio corrisponderanno ad un aumento dei costi da sostenere.

SAMBO fa sapere di conoscere la campagna di raccolta rifiuti descritta prima, sottolineando che purtroppo è un'esperienza limitata nel tempo e nello spazio quindi solo indicatrice della situazione di Venezia centro storico.

SCARPA C. porta a conoscenza i commissari delle nuove modalità di raccolta con lo spazzino che suona al campanello e con l'auto-conferimento, ritenendo probabile che la situazione possa migliorare nel breve periodo.

R.SCARPA sottolinea come l'argomento risulti molto interessante proprio per la situazione del Centro Storico. Le interpellanze sono da considerarsi interessanti per Venezia . Crede che all'amministrazione comunale venga chiesto di migliorare la situazione attuale. Fa sapere che tutta la plastica si trasforma in microplastica che successivamente entra nel circuito alimentare umano e animale. Evidenzia che l'estate e l'inverno la presenza delle microplastiche è identico , che i rifiuti si accumulano nelle sacche e nelle barene ragion per cui la pulizia della laguna risulta essere molto importante. Ricorda ulteriormente che i rifiuti sono composti anche da le reti abbandonate e di barche di plastica abbandonate. Fa sapere che Veritas non contempla la raccolta di questi rifiuti. Chiede cosa il Comune di Venezia vuole fare rispetto a questo argomento.
Alle ore 15.50 escono i consiglieri Faccini, Senno, A.Scarpa e Lazzaro.

VISMAN accoglie con piacere l'interpellanza fatta dalla consigliera Sambo. Ricorda l' interpellanza fatta nel 2015 sullo stesso argomento. Evidenzia che il turista comunque deve avere una alternativa oltre ai cestini distribuiti in città. Ritiene importante dotare il turista di un sacchetto per differenziare le immondizie. Sulle deiezioni canine propone un contenitore ad hoc standardizzato con conseguenti sconti sulla Tari. Sottolinea come la plastica sia un problema che l'amministrazione comunale deve affrontare. Prosegue chiarendo che l'amministrazione comunale si deve dotare di contenitori per la raccolta della plastica .

PELLEGRINI ringrazia i presenti per la trattazione di questo argomento ed evidenzia che come cittadino che osserva la città, la pulizia dei canali attraverso il mezzo “Pellicano” non avviene in modo adeguato, anche perché, non passa tra i canali minori della Città Antica. Esprime il proprio disaccordo con l'idea di adottare un cestino da parte degli esercenti della città.

GIUSTO ritiene che soluzioni assolute non ci siano, ma che si possano fare delle sperimentazioni. Ricorda alcune sperimentazioni fatte sul ponte dei Baretteri con lattine e poi con i sacchetti appoggiati ai lati del ponte: il risultato ottenuto fu quello che i passanti appoggiavano il medesimo rifiuto che vedevano già presente sul ponte. Pertanto risulta oltremodo importante la pulizia della città. Spiega che i rifiuti gettati in acqua spesso non si vedono in quanto pesanti, tipo le gomme o oggetti gettati dalle imbarcazioni, queste categorie di rifiuti sono da considerarsi un ulteriore problema da risolvere. Ritiene che la raccolta delle bottiglie galleggianti con il catamarano “pellicano” risulta strategico utilizzandolo nel momento in cui la marea è entrante o calante, allo stesso modo si può agire in laguna.

TOSI chiede spiegazioni sulle percentuali di cestini presenti in città antica e sul rapporto cestini/abitanti. Ritiene che il rapporto cestini/abitanti sia comunque inadeguato, considerato il grande numero di turisti presenti in città. Propone di istituire delle zone per raccogliere le deiezioni dei cani. Chiede che venga fatta una ordinanza per la gestione del Take -Away. Sottolinea positivamente la proposta di coinvolgere i commercianti nella raccolta dei rifiuti con uno sconto eventuale sulla Tari.

C.SCARPA risponde al consigliere R.Scarpa ricordando che, per normativa le attività principali sono organizzate per la raccolta dei rifiuti urbani o simili. Chiarisce che i rifiuti speciali, vedi le reti, batterie, ecc. sono di fatto già a carico dei produttori. Evidenzia che su questa tematica la normativa è molto complessa. Ricorda che esistono già degli ispettori ambientali che sanzionano comportamenti non corretti.

DE MARTIN fa sapere che l'aspetto ambientale è questione molto cara a questa amministrazione comunale la collaborazione con VERITAS volta alla sensibilizzazione delle guide turistiche nella gestione della raccolta dei rifiuti. Esprime il proprio accordo sulla creazione di punti nevralgici dove raccogliere i rifiuti differenziandoli. Evidenzia che i turisti che visitano la città scendendo dalle navi da crociera spesso lasciano il sacchetto del pranzo al sacco in città antica, questo è un problema da risolvere. Per quanto riguarda la pulizia dei canali è un'azione che va organizzata ad hoc. Propone eventualmente una possibile collaborazione per attivare una campagna di sensibilizzazione attraverso la rete degli aderenti al controllo di vicinato.

LAVINI chiede alla consigliera Sambo di esprimersi rispetto alle risposte date dall'assessore.

SAMBO esprime la propria parziale soddisfazione rispetto alle risposte date dall'assessore.

Alle ore 16.35 la Presidente Lorenza Lavini, conclusasi la discussione sulle interpellanze , dichiara chiusa la seduta.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 13-09-2017 ore 13:05
Ultima modifica 13-09-2017 ore 13:05
Stampa