Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Atti dei Consiglieri > Mozione nr. d'ordine 8
Contenuti della pagina

Mozione nr. d'ordine 8

Logo Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente data protocollo
8 4 16/07/2015 Elena La Rocca
 
Sara Visman
Davide Scano
16/07/2015

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
esito21-07-2015Leggi

 

Venezia, 16 luglio 2015
nr. ordine 8
n p.g. 4
 

Al Sindaco
Alla Presidente del Consiglio comunale
Ai Capigruppo consiliari
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario


 

Oggetto: Redentore, Tromba d'aria e SobrietÓ Istituzionale

 




Prernesso che


1. Giunta di Venezia ha disposto un incremento di spesa in merito alle manifestazioni del Redentore di euro 20.000;

2. La situazione di bilancio in cui versa il Comune ha comportato lo sforamento del Patto di Stabilità Intemo per due anni consecutivi e a ciò è conseguita una stretta di tagli ai servizi essenziali i quali hanno messo in ginocchio i cittadini più deboli: tale somma avrebbe potuto attenuare i dolorosi effetti dei tagli;

3. Lo scorso 8 Iuglio una tromba d'aria ha devastato i vicini Comuni di Dolo, Mira e Pianiga, procurando vittime, feriti, sfollati e ingenti danni ad abitazioni ed attività produttive, ai parchi e al patrimonio artistico dell'area della Riviera del Brenta: tale somma avrebbe potuto contribuire alla soddisfazione dei bisogni delle popolazioni interessate;

4. Per far fronte all'emergenza, si sono attivati diversi canali di solidarietà da parte di Associazioni, enti pubblici e privati cittadini, mentre i comuni interessati hanno attivato conti correnti per raccogliere le donazioni;

5. La presidente del Consiglio Comunale di Venezia Ermelinda Damiano ha già proposto di devolvere i gettoni di presenza della seduta consiliare del 16 luglio ai comuni colpiti dalla tromba d'aria, iniziativa che consideriamo del tutto condivisibile;


Considerato che


1. L'incremento di spesa di 20.000 euro aggiuntivi stanziati per il Redentore, appaiono in questo nuovo contesto, fuori luogo, e inopportuni rispetto al contesto generale di bilancio e alla tragedia in corso nei comuni vicini;

2. L'immagine di scarsa sensibilità istituzionale, tuttavia, può essere compensata da un atto di solidarietà del Consiglio e della Giunta che corrisponda al versamento di una cifra almeno pari a quella aggiuntiva del Redentore di euro 20.000;


Si chlede che


1. Il Consiglio deliberi di devolvere l'ammontare dei gettoni di presenza di tutti i consiglieri per i mesi di luglio e agosto, ai comuni di Dolo, Pianiga e Mira per far fronte alle necessità derivanti dall'assistenza alle popolazioni sfollate;

2. La Giunta, devolva parte delle sue indennità ai soggetti suindicati, fino a concorrenza di un importo che sia almeno pari ad euro 20.000, nello spirito di solidarietà delle Istituzioni, qualificando
pertanto il propdo inizio di mandato;

3. Si propone di devolvere la somrna direttamente alle Amministrazioni comunali di Mira, Dolo e Pianiga, attraverso i conti correnti attivati:

Comune di MRA - Codice iban: IT30X0200836182000103826448
Comune di DOLO - Codice iban IT52Y0840736080043000107194
Comune di PIANIGA - Codice iban: IT68K0899036230019010000936

 

 

Elena La Rocca

Sara Visman
Davide Scano

 
 
Pubblicata il 16-07-2015 ore 12:18
Ultima modifica 16-07-2015 ore 12:18
Stampa