Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Atti dei Consiglieri > Mozione nr. d'ordine 63
Contenuti della pagina

Mozione nr. d'ordine 63

Logo Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente data protocollo
63 27 28/09/2015 Elena La Rocca
 
07/10/2015

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
ritiro20-11-2015Leggi

 

Venezia, 28 settembre 2015
nr. ordine 63
n p.g. 27
 

Al Sindaco
Alla Presidente del Consiglio comunale
Ai Capigruppo consiliari
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario


 

Oggetto: Mozione sui problemi di sicurezza nel Penitenziario di Santa Maria Maggiore e sulla necessitÓ di destinare ulteriori stalli di sosta riservati al personale reperibile della Polizia Penitenziaria

 

Il Consiglio Comunale

Premesso che:

- si è verificato di recente un crescendo di incidenti all’interno del penitenziario di Santa Maria Maggiore, che ha coinvolto, loro malgrado, diversi agenti di Polizia Penitenziaria (http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2015/07/31/news/nove-agenti-penitenziari-aggrediti-in-15-giorni-1.11867131), almeno fino alla visita dell’onorevole Marco Da Villa presso il penitenziario stesso (http://www.veneziatoday.it/cronaca/ispezione-parlamentare-nel-carcere-di-santa-maria-maggiore.html), che ha evidenziato notevoli problemi di manutenzione della struttura, organico e sovraffollamento (263 detenuti su 160 posti teorici);

- il complesso delle attrezzature, la carenza di misure e strumenti di protezione personale, le procedure seguite durante il contatto con i detenuti, ad esempio in occasione delle perquisizioni personali e la struttura del penitenziario evidenziano palesi carenze in tema di sicurezza del personale;

- tale deterioramento della situazione interna dell’Istituto, riguardante la sicurezza sia del personale che dei detenuti, è stata più volte segnalata, senza alcun esito, dalle organizzazioni sindacali del personale del carcere e della Polizia Penitenziaria.


Considerato che:

- tra i pericoli segnalati da agenti e altro personale del penitenziario vi sono incendi e pericoli di evasione e di infezione, le cui conseguenze possono estendersi anche oltre il perimetro della struttura carceraria, all'intera città;

- l’art. 54 del T.U.E.L. D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e succ. mod.ed integr. attribuisce al Sindaco la funzione di sovrintendere “alla vigilanza su tutto quanto possa interessare la sicurezza e l'ordine pubblico, informandone preventivamente il prefetto”;

- è necessario garantire un pronto intervento del personale con obbligo di reperibilità della Polizia Penitenziaria, in caso di emergenza.


Visto che:

- i due posti auto riservati a Piazzale Roma e nell'Autorimessa Comunale al personale con obbligo di reperibilità della Polizia Penitenziaria sono insufficienti; questa condizione ha portato alla sanzione per divieto di sosta di più agenti intervenuti presso il luogo di lavoro come reperibili;

- vi sono presso al centro intermodale del Tronchetto circa 50 posti messi a disposizione della Polizia di Stato dal Comune, alcuni dei quali potrebbero essere assegnati ai reperibili della Polizia Penitenziaria;

- l'attuale Amministrazione Comunale e tutti i gruppi presenti in Consiglio si dichiarano sensibili ai temi attinenti alla pubblica sicurezza.


Ritenuto che:

- il Comune possa e debba intervenire non solo con riguardo agli stalli di sosta per i reperibili della Polizia Penitenziaria, ma anche in merito ai problemi inerenti alla sicurezza del penitenziario di Santa Maria Maggiore, sollecitando il Ministero della Giustizia, allo scopo di garantire una maggiore sicurezza dei detenuti e dei cittadini.


TUTTO CIÒ PREMESSO E CONSIDERATO, IL CONSIGLIO COMUNALE

1. impegna e invita il Sindaco e la Giunta a sollecitare il Ministero della Giustizia affinché si attivi per risolvere al più presto le problematiche inerenti alla sicurezza nel penitenziario di Santa Maria Maggiore, ed in particolare a:
• fornire adeguati protocolli e dispositivi di protezione per il personale che si trova in situazioni di rischio per la propria incolumità;
• aumentare l'organico degli operatori di Polizia Penitenziaria in servizio presso l'istituto di pena;
• provveda a far eseguire i necessari interventi di manutenzione della struttura;
• risolva, per quanto possibile, il problema del sovraffollamento dei reclusi;
• adegui l'organico e gli interventi relativi alla prevenzione del disagio psichico dei detenuti.

2. impegna e invita inoltre il Sindaco e la Giunta ad assegnare ulteriori stalli di sosta agli operatori reperibili della Polizia Penitenziaria in servizio presso l'Istituto di pena di Santa Maria Maggiore, da individuarsi in primo luogo al Tronchetto, tra i 50 posti messi a disposizione dal Comune per la Polizia di Stato presso il centro intermodale e, secondariamente, presso l'Autorimessa Comunale, con sosta regolamentata da appositi permessi, previa concertazione con i rappresentanti sindacali degli stessi operatori di Polizia Penitenziaria. Questa misura è atta a garantirne la tempestività degli interventi, in caso di emergenza, presso l’Istituto di pena.

 

Elena La Rocca

 
 
Pubblicata il 28-09-2015 ore 10:38
Ultima modifica 28-09-2015 ore 10:38
Stampa