Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Atti dei Consiglieri > Mozione nr. d'ordine 572
Contenuti della pagina

Mozione nr. d'ordine 572

Logo Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente data protocollo
572 189 22/12/2016 Elena La Rocca
 
Davide Scano
22/12/2016

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
esito22-12-2016Leggi

 

Venezia, 22 dicembre 2016
nr. ordine 572
n p.g. 189
 

Al Sindaco
Alla Presidente del Consiglio comunale
Ai Capigruppo consiliari
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario


 

Oggetto: “tassazione TARI coerente con gli usi delle abitazioni” - MOZIONE collegata alla PD 525/2016 “Bilancio di previsione per gli esercizi finanziari 2017-2019”

 

Premesso che
- in data 15 dicembre 2016 il Consiglio comunale ha deliberato l'aumento della TARI per un valore medio di 5,5% rispetto all'anno precedente;

- il testo di delibera approvato riconosce come l'afflusso turistico, che caratterizza alcune zone della città, incida in modo rilevante sulla produzione dei rifiuti;

- la TARI è una tassa già onerosa per i cittadini, che sempre più si devono far carico dei costi della gestione dei rifiuti prodotti dai turisti;

Considerato che


- a seguito dell'esecutività della Legge Regionale Quadro sul Turismo, l'amministrazione ha riconosciuto la possibilità ai privati di esercitare l'attività di affitto turistico con la registrazione al portale telematico SUAP del Comune di Venezia, senza dover presentare la SCIA;

- con l'introduzione di tale semplificazione procedurale e in assenza di SCIA, i privati che affittano ai turisti, non avendo un inquadramento formale assimilabile ad attività produttiva, non dichiarano a Veritas S.p.A. la destinazione “commerciale” dell'abitazione e pagano di conseguenza la TARI con il canone ad uso residenziale;

- questa situazione crea disparità tra i privati che affittano secondo le regole precedenti e quelli che si sono registrati con le nuove procedure, dato che nella sostanza l'attività di affitto turistico è sempre la stessa;

- tale situazione inoltre sottrae risorse a Veritas S.p.A., che per colmare la mancanza di entrate aumenta la tassa ai cittadini;


Tutto ciò premesso e considerato,
il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta a

- predisporre ogni strumento di collaborazione con Veritas S.p.A. per l'intreccio dei dati disponibili e l'eventuale implementazione degli stessi, al fine di intercettare tutte le abitazioni dichiarate ad uso residenziale ma nella realtà adibite ad affitto turistico, affinché sia attribuita la corretta tariffa TARI;

- operare affinché un'attribuzione delle tariffe TARI coerente con l'uso reale delle abitazioni si traduca in una riduzione delle tariffe applicata a chi fa un uso residenziale della propria abitazione.

 

Elena La Rocca

Davide Scano

 
 
Pubblicata il 22-12-2016 ore 13:27
Ultima modifica 22-12-2016 ore 13:27
Stampa