Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Atti dei Consiglieri > Mozione nr. d'ordine 240
Contenuti della pagina

Mozione nr. d'ordine 240

Logo Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente data protocollo
240 48 29/02/2016 Elena La Rocca
 
Davide Scano
Elena La Rocca
29/02/2016

 

 

Venezia, 29 febbraio 2016
nr. ordine 240
n p.g. 48
 

Al Sindaco
Alla Presidente del Consiglio comunale
Ai Capigruppo consiliari
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Al Vicesegretario Vicario


 

Oggetto: "Principi fondanti il processo di riorganizzazione delle MunicipalitÓ" collegata alla P.D. N. 2015.757 ai sensi dellĺart. 9 del Reg. C.C

 

Premesso che

- la Giunta ha espresso la volontà di rivedere le competenze delle Municipalità per mezzo di un “pacchetto” di proposte di delibera ed in particolare:

1. P.D. N. 2015.757 Modifiche al “Regolamento comunale delle Municipalità” (Articoli 4, 5, 34, 38 bis, 41, 42 e 44).

2. P.D. N. 2015.744 Modifica al Regolamento per l'erogazione di interventi di natura economica di competenza delle Municipalità – rinominato Regolamento per l'erogazione di interventi di natura economica (Minimo vitale, Minimo Economico di Inserimento e Contributi straordinari).

3. P.D. N. 2015.725 Regolamento comunale del servizio refezioni scolastiche - modifica dell'art. 14, commi 1,3 e 5, relativi alle competenze interne del procedimento.

4. P.D. N. 2015.726 Regolamento comunale del servizio trasporti scolatici - modifica dell'art. 15, commi 1 e 4, relativi alle competenze interne del procedimento.

5. P.D. N. 2015.751 Approvazione del nuovo regolamento per l'uso e la gestione di impianti sportivi e l'utilizzo di palestre scolastiche.

6. P.D. N. 2015.706 Modifica art. 5 comma 5 del Regolamento Canone di Occupazione Spazi e Aree Pubbliche (COSAP).

7. P.D. N. 2015.730 Abrogazione del "Regolamento del Sistema Bibliotecario Comunale", approvato con deliberazione n. 51 del Consiglio Comunale in data 08/02/2010.

8. P.D. N. 2015.731 Modifiche al Regolamento per la concessione di patrocini, sovvenzioni, contributi e altri vantaggi economici e dell'Albo delle Associazioni, approvato con la deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale nr. 48 del 02/04/2015 (articoli 2, 5, 8, 10) e al Regolamento comunale delle Municipalità approvato con deliberazione del Consiglio comunale nr. 64 del 21/22 maggio 2007 (articolo 29).

- tale pacchetto di delibere sottrae funzioni alle Municipalità per attribuirle genericamente ad “uffici competenti”;

- nel corso delle numerose commissioni convocate sul tema, l'Amministrazione ha espresso la volontà di attrarre a sé le competenze, per ridistribuirle in seguito ad una generale riorganizzazione;

Premesso inoltre che

- la riforma delle Municipalità è necessaria perché tali organi sono attualmente poco funzionali alle esigenze della cittadinanza oltre ad essere percepiti come strumenti di controllo politico del territorio;

- in particolare le Municipalità non hanno validi strumenti per vincolare l'amministrazione alle scelte dei cittadini ad esse appartenenti;

Considerato che

- si ritiene che la riorganizzazione delle Municipalità debba perseguire, tra gli altri, alcuni obbiettivi ed in particolare:

ridurre al minimo l'eventualità che gli strumenti di cui è dotata siano utilizzati con una discrezionalità finalizzata a mantenere il suo consenso sul territorio;

massimizzare la funzione di ascolto e di raccolta delle esigenze dei cittadini;

Considerato altresì che


-esistono oggi strumenti di consultazione quali i sondaggi online che permettono “a costo zero” di conoscere l'orientamento dell'opinione pubblica sui temi d'interesse generale;

il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta a


- ad attribuire alle Municipalità maggiori doveri nella funzione di individuazione dei bisogni dei cittadini anche attraverso gli strumenti telematici, fornendo alle stesse le risorse necessarie;

- dotare le Municipalità di strumenti normativi che consentano loro di vincolare l'Amministrazione comunale alle indicazioni provenienti dal territorio, pur nel contesto dell'interesse generale del comune nel suo insieme.

 

Elena La Rocca

Davide Scano
Elena La Rocca

 
 
Pubblicata il 29-02-2016 ore 16:35
Ultima modifica 29-02-2016 ore 16:35
Stampa