Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Atti dei Consiglieri > Interpellanza nr. d'ordine 698
Contenuti della pagina

Interpellanza nr. d'ordine 698

Logo Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
698 62 06/04/2017 Elena La Rocca
 
Assessore
Paolo Romor
 
e p. c.
Al Presidente della XI Commissione
07/04/2017 07/05/2017 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
verbale seduta commissione consiliare11-09-2017Leggi

 

Venezia, 6 aprile 2017
nr. ordine 698
n p.g. 62
 

All'Assessore Paolo Romor


e per conoscenza

Al Presidente della XI Commissione
Alla Segreteria della Commissione consiliare XI Commissione
Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: crescenti tensioni e richiesta di nuove risorse per i servizi educativi - INTERPELLANZA ai sensi art. 8 del Reg. di C.C.

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che

- con interpellanza sullo “Stato di sicurezza delle scuole dell'infanzia e degli asili nido comunali” (nr. prot. 30 del 02.03.2017) abbiamo evidenziato le segnalazioni dei rappresentanti delle educatrici circa il rispetto della normativa sulla sicurezza nelle scuole dell'infanzia comunali. Nell'interpellanza chiedevamo se l'amministrazione avesse ritenuto di porre in essere idonee attività di verifica/accertamento;

- con mozione sulla “Protesta dei genitori e produttività delle educatrici” (nr. prot. 29 del 30.03.2017) abbiamo segnalato che in tre asili le educatrici erano state state penalizzate nella produttività individuale, a seguito di una protesta dei genitori. Poiché la protesta era rivolta alla gestione amministrativa dei servizi e non all’operato delle educatrici, chiedevamo la rivalutazione della loro produttività;

- nell’asilo Colibrì, in data 28 marzo 2017, una bimba ha avuto le convulsioni febbrili. Le educatrici presenti nella struttura hanno dovuto gestire l’emergenza in tre (una di queste in prolungamento dell’orario per via dello spostamento di una collega in altra struttura), in presenza di 35 bambini;


Rilevato che

- l’Assessore competente ha dichiarato nel corso della Commissione del 24.02.2017 l'intenzione di non assumere altro personale educativo a tempo pieno e indeterminato da occupare nelle scuole dell'infanzia;

- i servizi educativi, tuttavia, soffrono di carenza di personale, la condizione di lavoro delle educatrici genera disservizi all’utenza e potenziali rischi per la sicurezza delle stesse e dei bambini;

- a febbraio l'amministrazione ha ricevuto una diffida dai legali rappresentanti dei genitori a trovare un'idonea soluzione ai problemi suddetti;

- a marzo anche i Rappresentanti dei Lavoratori per la Salute e Sicurezza hanno indirizzato all'amministrazione una diffida ad assumere i provvedimenti necessari a risolvere i problemi di natura organizzativa segnalati;

Considerato altresì che


- si ritiene che operando dei risparmi nella gestione del sistema società partecipate, si possano a buon titolo trovare le risorse per assumere il personale necessario ad un corretto funzionamento dei servizi educativi;

tutto quanto premesso, considerato e rilevato,
si interpella l'assessore perché


- riferisca in Commissione in merito ai contenuti delle suddette diffide e alle valutazioni che ne stanno conseguendo in capo all'amministrazione;
- riferisca se ritenga opportuno un confronto con il Sindaco al fine di rivedere le decisioni assunte in merito al fabbisogno occupazionale dei servizi educativi;
- riferisca se ritenga opportuno un confronto l’Assessore al Bilancio al fine di condividere un percorso di ricerca delle risorse necessarie al corretto funzionamento dei servizi educativi, operando risparmi nel sistema delle società partecipate del comune di Venezia.

 

Elena La Rocca

 
 
Pubblicata il 06-04-2017 ore 10:42
Ultima modifica 06-04-2017 ore 10:42
Stampa