Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Atti dei Consiglieri > Interrogazione nr. d'ordine 292
Contenuti della pagina

Interrogazione nr. d'ordine 292

Logo Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
292 29 25/03/2016 Elena La Rocca
 
Assessore
Paolo Romor
29/03/2016 28/04/2016
 
rinviata al
16/09/2016
 
rinviata al
28/08/2016
 
rinviata al
29/07/2016
 
rinviata al
15/07/2016
 
rinviata al
17/06/2016
 
rinviata al
27/05/2016
scritta

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
risposta in Consiglio comunale05-05-2017Leggi
rinvio dei termini18-08-2016Leggi
rinvio dei termini29-07-2016Leggi
rinvio dei termini14-07-2016Leggi
rinvio dei termini17-06-2016Leggi
rinvio dei termini27-05-2016Leggi
rinvio dei termini28-04-2016Leggi

 

Venezia, 25 marzo 2016
nr. ordine 292
n p.g. 29
 

All'Assessore Paolo Romor


e per conoscenza

Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: ValiditÓ del Regolamento di disciplina del telelavoro approvato con DGC n.83 del 20/03/2015 - Interrogazione ai sensi dell'art.7 del Reg. C.C.

Tipo di risposta richiesta: scritta

 

Premesso che
- la materia del Telelavoro nella p. a. è stata introdotta nell'ambito del pubblico impiego con la L. n.191/1998, Bassanini ter, che, all'art. 4 c. 3 prevede che “con regolamento da emanare ai sensi dell'art.17, c. 2, della legge 23 agosto 1988 n.400 […] sono disciplinate le modalità organizzative” per l'attuazione del  telelavoro. Lo stesso articolo prevede che “le singole amministrazioni adeguano i propri ordinamenti e adottano le misure organizzative volte al conseguimento degli obiettivi di cui al presente articolo”;
- il regolamento di attuazione D.P.R n.70 del 1999 all'art.1 c. 2 stabilisce che “l'amministrazione assegna il dipendente al telelavoro sulla base di criteri previsti dalla contrattazione collettiva
- in data 23/03/2000 ARAN e Confederazioni Sindacali hanno sottoscritto l'Accordo Quadro Nazionale sul Telelavoro nella Pubblica Amministrazione, il quale all'art.4 c. 1 stabilisce che “nell'ambito dei progetti di telelavoro di cui all'art. 3 del DPR 8 marzo 1999 n.70, l'Amministrazione procederà con le modalità previste dall'art.4 dello stesso DPR n.70 all'assegnazione a posizioni di telelavoro dei lavoratori che si siano dichiarati disponibili a ricoprire dette posizioni (...)”. Il medesimo art. 4 c. 2, specifica che “In caso di richieste superiori al numero delle posizioni, l'amministrazione utilizzerà i seguenti criteri di scelta:
a. situazioni di disabilità psico-fisiche tali da rendere disagevole il raggiungimento del luogo di lavoro;
b. esigenze di cura di figli minori di 8 anni; esigenze di cura nei confronti di familiari o conviventi, debitamente certificate;
c. maggiore tempo di percorrenza dall'abitazione del dipendente alla sede

- il Regolamento di disciplina del telelavoro approvato con DGC n.83 del 20/03/2015, invece, pone i requisiti su elencati come condizioni indispensabili per l'accesso all'autorizzazione e non come requisiti preferenziali nel solo caso in cui il numero delle richieste superi quello delle autorizzazioni definite;
- il regolamento in oggetto, per i motivi elencati, stravolge la volontà espressa dalla contrattazione collettiva e con essa dalla L.191/1998 e dl relativo d.P.R. 70/1999.
-il Giudice del Lavoro Anna Menegazzo del Tribunale di Venezia, con sentenza del 09/03/2016 ha recentemente riconosciuto la non applicabilità del Regolamento con riferimento ad una lavoratrice cui l'Amministrazione ha espresso la volontà di non rinnovare il progetto di telelavoro, valutando, secondo i contenuti del medesimo regolamento, che non sussistessero più i requisiti richiesti;

considerato che
- sempre con riferimento al Regolamento in oggetto, la limitazione del numero di dipendenti all'accesso al telelavoro nel limite massimo dell'1,5% del personale di ruolo in servizio all'inizio di ogni anno (art.3., c. 1), non è coerente con le prescrizioni della contrattazione nazionale, che non prevede alcuna soglia limitativa, né con l'art. 14 della L. 124/2015 che stabilisce, come obbiettivo per le p.a, la previsione di un 10% di lavoratori in telelavoro, nell'arco temporale di tre anni;

considerato inoltre che
in sede di approvazione del Regolamento, il parere espresso dal Comitato Unico di Garanzia nella seduta del 18/12/2014, come da verbale n. 40, appare viziato poiché:
1) è stato redatto in assenza del numero legale per la validità dello stesso, come da criteri stabiliti nell'art. 6 c. 4 del regolamento del CUG;
2) è sottoscritto da una funzionaria che non compare tra i presenti alla riunione;

tutto ciò premesso e considerato, si chiede

- se il Regolamento sia da considerarsi, del tutto o in parte, illegittimo ed inefficace alla luce della sentenza del Giudice del Lavoro;
- se l'Amministrazione adeguerà la normativa comunale sul telelavoro agli obbiettivi dell'art. 14 della L. 124/2015 ed in che tempi;
- di fornire chiarimenti in merito al processo di stesura del Regolamento sotto il mandato del Commissario e i motivi che hanno spinto l'amministrazione a porre delle restrizioni all'istituto del telelavoro, posto che, sia le amministrazioni precedenti, che quella attuale hanno considerato il telelavoro una forma contrattuale utile ai lavoratori ed alla p.a.;
- di fornire chiarimenti in merito ai vizi del parere del CUG.

 

Elena La Rocca

 
 
Pubblicata il 25-03-2016 ore 11:17
Ultima modifica 25-03-2016 ore 11:17
Stampa