Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2015-2020 > Atti dei Consiglieri > Interrogazione nr. d'ordine 1937
Contenuti della pagina

Interrogazione nr. d'ordine 1937

Logo Silvana Tosi
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
1937 126 13/06/2020 Silvana Tosi
 
Giovanni Giusto
Sindaco
Luigi Brugnaro
 
e p. c.
Al Presidente della IX Commissione
 
inoltrata a
Assessore Michele Zuin
15/06/2020 15/07/2020 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
delega16-06-2020Leggi

 

Venezia, 13 giugno 2020
nr. ordine 1937
n p.g. 126
 

Al Sindaco Luigi Brugnaro


e per conoscenza

Al Presidente della IX Commissione
Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Richiesta esenzione canone COSAP per lĺanno 2020 a tutte le categorie che esercitano attivitÓ su area pubblica. Risposta urgente in Commissione.

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che:

- in data 11 marzo 2020 il Premier Giuseppe Conte ha annunciato la chiusura di tutte le attività commerciali, ad eccezione dei negozi di generi alimentari e di beni di prima necessità, delle farmacie e parafarmacie, a causa dell’emergenza sanitaria mondiale dovuta al contagio da COVID 19.
- E’ pertanto superfluo affermare che attualmente il turismo internazionale sia in ginocchio con picchi di cancellazioni piuttosto alte.
- L’attività turistica a Venezia è stata già fortemente colpita dal fenomeno dell’alluvione del 12 novembre 2019 al quale si sono succedute una serie di alte maree.
- Stiamo vivendo un momento di grande difficoltà economica e di incertezza generale, le città d’arte sono state quelle più duramente colpite e conseguentemente tutte le attività turistiche connesse.

Considerato che:

- allo scopo di fornire risposte immediate alle esigenze di tutela della salute pubblica e di ripresa economica, la Giunta Comunale ha adottato dei provvedimenti al fine di permettere alle attività economiche di adeguarsi alle norme di distanziamento, consentendo l’ampliamento delle occupazioni di suolo pubblico, “stabilendo ulteriori riduzioni, fino al 100% del canone COSAP per ampliamenti di occupazioni di suolo pubblico già concesse e nuove occupazioni di suolo per le attività di somministrazione di alimenti e bevande prive di concessione di spazio esterno, anche in deroga ai criteri regolamentari e/o a eventuali pianini, in ipotesi di emergenze sanitarie o in situazioni di particolare rilevanza sotto il profilo economico, sanitario ed emergenziale”.
- Per i suddetti motivi la Giunta Comunale di Venezia può applicare riduzioni, sino al 100% del canone dovuto, come da deliberazione n. 45 del 13.05.2020.

Constatato che:

- nelle premesse del comunicato stampa del 21.05.2020, l’Amministrazione ha dichiarato: “Plateatici gratuiti fino a fine anno: la Giunta approva l’esenzione.”, verso la fine dello stesso comunicato viene altresì precisato: “un gesto di sostegno a tutti coloro che hanno attività di somministrazione di alimenti e bevande…”.
Della stessa linea anche altri quotidiani e articoli: “Plateatici gratuiti fino a fine anno. Approvata dalla Giunta comunale veneziana la delibera che estende l’esenzione dal pagamento COSAP” (v. articolo allegato Venezia Today 21.05.2020). Solo nelle ultime tre righe del su menzionato articolo viene specificato: “un gesto concreto di sostegno a tutti coloro che hanno attività di somministrazione di alimenti e bevande”.

Visto che:

- il “Decreto Rilancio” del 20.05.2020, all’art. 181 “Sostegno delle imprese di pubblico esercizio”, comma 1, afferma: “Anche al fine di promuovere la ripresa delle attività turistiche, danneggiate dall’emergenza epidemiologica da COVID - 19 , le imprese di pubblico esercizio di cui all’articolo 5 della legge 25 agosto 1991, n. 287, titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’autorizzazione di suolo pubblico, tenuto conto di quanto stabilito dall’articolo 4, comma 3-quater , del decreto legge 30 dicembre 2019, n. 162, convertito con modificazioni dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8, sono esonerati dal 1° maggio fino al 31 ottobre 2020 dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche di cui al Capo II del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e dal canone di cui all’articolo 63 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446”; si evince, chiaramente, che le imprese, senza distinzione di categoria, di pubblico esercizio titolari di concessioni o autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico, sono esonerati dal 1° maggio sino al 31 ottobre 2020 dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

Tutto ciò premesso,

Si interrogano il Sindaco e l’Assessore competente per sapere se:


- per l’anno 2020 si intenda estendere l’esenzione del canone COSAP a tutte le imprese, senza distinzione di categoria o attività, compresa quella dei pittori e degli esercenti su area pubblica, titolari di autorizzazioni concernenti l’utilizzo del suolo pubblico, senza alcuna discriminazione, come da “Decreto Rilancio”.


Allegati
 
Articolo di stampa (pdf - 262 kb)

 

Silvana Tosi

Giovanni Giusto

 
 
Pubblicata il 13-06-2020 ore 11:03
Ultima modifica 13-06-2020 ore 11:03
Stampa