Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Commissioni consiliari > X Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

X Commissione - Verbale

Seduta del 10-07-2018 ore 16:30

 

Consiglieri componenti la Commissione: Luca Battistella, Maika Canton, Saverio Centenaro, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Deborah Onisto, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Silvana Tosi, Chiara Visentin, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Saverio Centenaro, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Rocco Fiano, Enrico Gavagnin, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Deborah Onisto, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Silvana Tosi, Chiara Visentin, Sara Visman, Barbara Casarin (sostituisce Luca Battistella), Giancarlo Giacomin (assiste), Francesca Rogliani (sostituisce Gianpaolo Formenti)

 

Altri presenti: Assessore Paolo Romor, Direttore Giovanni Braga, Consigliera comunale Monica Sambo, Consigliere comunale Rocco Fiano.

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 113 (nr. prot. 35) con oggetto " Questionario lavoratori a tempo determinato", inviata da Monica Sambo
  2. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 599 (nr. prot. 5) con oggetto "Assunzioni lavoratori a tempo determinato", inviata da Rocco Fiano
  3. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 925 (nr. prot. 190) con oggetto "Assunzione precari del Comune di Venezia e applicazione del D.lgs. n. 75/2017 ", inviata da Monica Sambo

Verbale

Alle ore 16.47 il Presidente constato il numero legale apre la seduta di commissione. Chiede di iniziare con i punti 2 e 3 e per ultimo il punto 1.Da la parola all’interpellante Fiano.
FIANO ricorda che l’interpellanza è datata 24.01.2017 presentata dopo l’o.d.g. in sostanza dopo un anno e mezzo e non avendo più senso discuterla , la ritira auspicando che questi atti ispettivi possano essere discussi nei tempi corretti.
Ricorda che il 14/05/2018 con l’interpellanza sul Casinò fu chiesta della documentazione, sull’ ATI tra imprese, ma il Funzionario Dal Zin non ha mai consegnato i dati.
LOCATELLI chiarisce che la documentazione richiesta verrà consegnata. Invita a proseguire con le interpellanze all’o.d.g.
SAMBO ritiene letta l’interpellanza e chiede la legittimità in senso lato sui questionari somministrati.
ROMOR ammette che l’interpellanza era datata ma sull’argomento dell’interpellanza era stata data risposta in Consiglio Comunale. Ricorda che fu data la possibilità di stabilizzare al massimo possibile i dipendenti, appena si fosse superato il Patto di Stabilità. Risponde che i questionari sono serviti per mappare le competenze trasversali. Rileva che si voleva capire meglio le risorse umane per l’attività da far svolgere, non si rilevano profili d’illegittimità a distanza di anni nessuna questione problematica ne è scaturita.
BRAGA spiega che lo statuto dei lavoratori non prevede questioni che esulano le competenze dei lavoratori, nei questionari c’erano domande che tendevano ad evidenziare elementi di conciliazione vita e lavoro, come ad esempio dove studiano i figli ecc. Ricorda che per le questioni di flessibilità oraria, in Altana c’è la compilazione del profilo competenze trasversali.
LOCATELLI chiede se ci siano ancora delle domande sull’argomento. Domanda alla consigliera Sambo di esprimere la propria soddisfazione.
SAMBO esprime la propria insoddisfazione rispetto alle questioni esposte dall’Assessore e dal Direttore.
DE ROSSI chiede se il questionario sia stato utilizzato per stabilizzare qualcuno.
BRAGA risponde negativamente.
SAMBO contesta l’intervento del consigliere De Rossi.
LOCATELLI invita a procedere con la discussione dell’interpellanza 925.
SAMBO ritiene che non si sia rispettato l’ordine cronologico e chiede che questa interpellanza venga collegata a quella precedente non ancora trattata.. Considerando letta, inizia la spiegazione sul piano occupazionale, quali siano le esigenze dei settori, la carenza del personale nelle segreterie delle commissioni, la ricognizione dei lavoratori e anche sui precari.
LOCATELLI risponde che si predilige organizzare l’accorpamento di interpellanze sugli argomenti simili piuttosto che creare discussioni su argomenti disparati.
ROMOR risponde chiarendo che se si fosse saputo prima del ritiro dell’interpellanza si avrebbe potuto inserire qualche atto ispettivo ulteriore. Fa sapere che l’impegno verso l’aumento dei dipendenti a tempo indeterminato è costante, stabilizzando il numero massimo possibile di precari. Ricorda che nel 2016 sono state assunte 30 maestre e nel 2017 analogamente. Fa sapere che l’amministrazione comunale vuole assumere il massimo numero di precari nel rispetto del bilancio e nei limiti di legge. Sottolinea che nel 2018 ci sono stati altri 34 deprecarizzati, l’intenzione è quella di continuare in questo modo al contrario nel 2011, 2012, 2013, 2014 non ci fu nessuna deprecarizzazione, solo nel 2014 il Commissario ne aveva deprecarizzato alcuni. Ritiene che così facendo non si illuda nessuno fendo il massimo possibile.
SAMBO chiede il fabbisogno di personale per evidenziar ei servizi in crisi. Chiede se si voglia utilizzare ancora la Legge Madia.
LOCATELLI chiede il riaspetto degli interventi.
ROMOR chiarisce che il piano di precarizzazione viene costruito anno per anno.
BRAGA spiega il fabbisogno e il piano di stabilizzazione come da previsioni di Legge, e si aggira a circa 34 persone. Ricorda i 70 vigili, i giuristi, tecnici, e le maestre.
ROMOR spiega che il fabbisogno del personale va’ contemperato tra le esigenze dei dirigenti e la parte politica.
DE ROSSI sottolinea che la maggioranza ringrazia per le azioni fatte, prima la deprecarizzazione non venne fatta, protraendo per anni il precariato, esiste un discrasia tra assunzione e impegno di spesa e fabbisogno personale. Pone delle perplessità sulle richieste di personale, evidenziando le richieste di direttori che palesano in commissione il fabbisogno di risorse umane, come se fosse una espressione di potere. Chiarisce che con il DUP si chiederà il fabbisogno di personale.
R.SCARPA fa sapere che i riferimenti sull’eccesso di spesa del personale dei 5 anni precedenti, ricorda andamenti ciclici, ritiene che nei confronti del personale ci debba essere formazione e miglioramento delle condizioni lavorative, sui numeri del personale dislocato nelle varie direzioni non si capiscono bene i dati, 2700 dipendenti sono da considerarsi ancora troppi non si capisce. Evidenzia che sui precari non si è tenuto conto della anzianità e degli aspetti sociali.
ROMOR fa sapere che il criterio dell’anzianità viene considerato per l’aspetto della stabilizzazione oltre che delle competenze trasversali.
BRAGA sottolinea che i requisiti della norma sono stati rispettati, per risolvere certi casi sociali si è fatto il possibile.
GIACOMIN prende atto positivamente della deprecarizzazione sembra ovvio che si diminuisca il numero considerando il bilancio del comune.
LOCATELLI chiede se la consigliera Sambo è soddisfatta o meno delle risposte ottenute.
SAMBO esprime la propria parziale soddisfazione auspicando che si possano capire meglio le criticità e l’effettivo fabbisogno dei settori . Evidenzia che questa commissione si convoca molto poco.
DE ROSI chiede che si possa fare una puntualizzazione sui carichi di lavoro e sulle motivazioni che vengono addotte dai dirigenti per le richieste di personale.
Alle ore 18.00 il presidente chiude la seduta di Commissione.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 03-05-2019 ore 11:24
Ultima modifica 03-05-2019 ore 11:24
Stampa