Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Commissioni consiliari > V Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

V Commissione - Verbale

Seduta del 15-11-2017 ore 09:00

 

Consiglieri componenti la Commissione: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Felice Casson, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Andrea Ferrazzi, Gianpaolo Formenti, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Barbara Casarin, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Gianpaolo Formenti, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Bruno Lazzaro, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Ciro Cotena (sostituisce Luca Battistella), Deborah Onisto (sostituisce Lorenza Lavini), Paolo Pellegrini (assiste), Nicola Pellicani (sostituisce Sara Visman), Francesca Rogliani (sostituisce Marta Locatelli), Monica Sambo (sostituisce Andrea Ferrazzi)

 

Altri presenti: Assessore Massimiliano De Martin, Dirigente Maurizio Dorigo.

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Esame della proposta di deliberazione PPD.376.2017 del 26 ott 2017 - Cessazione di interesse all’acquisizione dell’immobile da demolire antistante la Barchessa di villa Volpi, in via Gazzera Alta, prevista nel protocollo d’intesa sottoscritto dal Comune di Venezia per l’attuazione del Programma di riqualificazione Urbana per Alloggi e canone sostenibile (PRUAcs), ubicato in località Gazzera, via Mattuglie.

Verbale

Alle ore 09.20 la  Vicepresidente Canton ricorda  i motivi della convocazione  e invita i tecnici ad proseguire l’ illustrazione della proposta di deliberazione.

DORIGO spiega i dati ricordando che il sedime  non rientra a standard di piano e non incide con rilevanza a livello urbanistico.

PELLICANI ricorda che la questione ha come oggetto la riqualificazione dell'area. Chiede spiegazioni se l’'amministrazione comunale ha in mente un altro  percorso su quest'area.

SCANO sottolinea che l'area di cui stiamo parlando, per quanto riguarda il condominio è posto  fuori dall'ambito rispetto all'intervento di IVE. Ricorda che l’amministrazione comunale  non ha  la volontà di intervenire su quest'area. Propone di mantenere la situazione com’è,  oppure di impegnarsi per creare un altro percorso burocratico sempre con l’intenzione di  ottenere  lo stesso risultato. Sottolinea che per i cittadini della Gazzera questo progetto è di notevole interesse. Pone una riflessione paragonando questa situazione con l'abbattimento Ce-LANA che per il centro di Mestre ha avuto un significato importante.

CROVATO  condivide quanto detto da Scano ed  invita a decidere concretamente su questa situazione. Ritiene che Trabucco abbia descritto la situazione in modo corretto. Ricorda che in questi anni nessuno ha  contrattato con i proprietari del condominio. Invita a  dare  una speranza ai cittadini della Gazzera. Ricorda che la convenzione si chiude nel 2023. Concorda che di debba  licenziare la proposta di deliberazione ma il progetto deve restare valido.

ONISTO ricorda che questa vicenda risulta datata, le condizioni per proseguire con questo progetto non sembra siano più attuabili. Ritiene che si debba comunque prendere un impegno su questa questione, anche i privati devono fare la loro parte. Sottolinea che oggi lo strumento urbanistico non permette di farlo e di fatto ad oggi nessuno dei privati si è fatto avanti.

SAMBO pone una riflessione sul fatto che non ci sono  urgenze per licenziare questa proposta di deliberazione, considerato anche il fatto che non ci sono proposte alternative da parte dell’amministrazione locale. Attende una verifica ed invita a rimandare questa  decisione.

LAZZARO  chiede all'assessore la possibilità di agire in modo fattivo su questa questione della Gazzera. Ritiene che alla Gazzera si debba agire risolvendo la questione oggetto di questa proposta di deliberazione. Pone una riflessione sul fatto che sicuramente decidere  risulta difficile ma tutte le forze politiche del consiglio assieme dovrebbero ottenere questo risultato.

CANTON considera  l'intervento di Lazzaro  positivo ma questa proposta di deliberazione esprime una cessazione di interesse da parte dell'amministrazione comunale.

PELLEGRINI chiede se le risorse per procedere con questa proposta di deliberazione fossero presenti a bilancio si sarebbe continuato il percorso burocratico per attuare il programma di riqualificazione urbana.

R.SCARPA  sottolinea  l'intervento del consigliere Pellegrini che apre alla  possibilità di  realizzazione del progetto nel caso in cui le risorse siano disponibili. Evidenzia che esiste un dubbio da parte dell’amministrazione sulle  priorità da attuare. Ritiene che i Consiglieri comunali debbano impegnarsi per migliorare la città. Esprime il proprio disaccordo con l'idea di annullare questo percorso amministrativo.

FORMENTI rimarca il fatto che l'oggetto di questo programma di riqualificazione è l'abbattimento di un fabbricato che si trova di fronte ad una Barchessa,  con un preventivo di spesa pari a 1.600.000 €. Ricorda che nell'immobile ci sono delle residenze e due attività commerciali e questi soggetti sembra che non abbiano ricevuto indicazioni sul programma di riqualificazione. Pone una riflessione sui possibili contenziosi a cui l'amministrazione comunale andrebbe incontro.

SCANO  chiede a Dorigo  se si possa ipotizzare un intervento finanziabile con il PON-METRO. Pone una riflessione chiarendo che la proposta di deliberazione sgraverà di fatto IVE da un debito. Propone di redigere un nuovo strumento urbanistico e di procedere con nuovi finanziamenti. Ritiene che in questo momento la ristrutturazione delle scuole avrebbe la priorità.

CANTON  concorda con quanto  detto dal consigliere Scano e  propone di valutare la possibilità  di trovare un altro spazio simile e limitrofo a quello oggetto di questa proposta di deliberazione.

ONISTO  sottolinea quanto detto dalla Consigliera  Canton e indica l’esistenza di  una zona limitrofa, che potrebbe avere le stesse caratteristiche per la formazione di una piazza alla Gazzera.


LAZZARO chiede ai tecnici che indichino eventuali alternative fattibili e all’assessore se si può redigere un crono programma rispetto a questa situazione della Gazzera.

DORIGO risponde sull'obbligo o  meno di procedere con la proposta di deliberazione ricordando che  questo progetto di demolizione nasceva concomitante con un bando,  ma non riuscendo a finanziare questa iniziativa specifica,  si finanziò solo la parte di Social House. Ritiene che proporre ipotesi alternative è  una questione politica, ricercare un'area simile è fattibile e comunque va valutata da chi deve decidere.

De MARTIN  sottolinea che questa proposta di deliberazione non annulla l'idea di creare una piazza per la Gazzera. Ritiene  che attualmente si debba porre rimedio ad un iter burocratico arzigogolato e complesso,  annullando questo impegno e mettendo  in sicurezza IVE. Avvisa che per fine gennaio ci sarà un incontro alla Gazzera per un progetto che tiene conto di una possibile piazza.

CANTON  propone alla commissione di licenziare in discussione la proposta di deliberazione. La commissione concorda. Alle ore 10:15 si chiude la riunione commissione.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 09-02-2018 ore 11:52
Ultima modifica 09-02-2018 ore 11:52
Stampa