Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Commissioni consiliari > II Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

II Commissione - Verbale

Seduta del 09-10-2017 ore 10:00
congiunta alla XI Commissione

 

Consiglieri componenti le Commissioni: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Elena La Rocca, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Deborah Onisto, Giorgia Pea, Giovanni Pelizzato, Francesca Rogliani, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Matteo Senno, Ottavio Serena, Chiara Visentin, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Barbara Casarin, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Elena La Rocca, Giorgia Pea, Giovanni Pelizzato, Francesca Rogliani, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Matteo Senno, Ottavio Serena, Alessio De Rossi (sostituisce Chiara Visentin), Andrea Ferrazzi (sostituisce Bruno Lazzaro), Silvana Tosi (sostituisce Giovanni Giusto)

 

Altri presenti: Delegato Paolino D'Anna - Coadiutore del Sindaco in materia di Sport, Presidente dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Athlon San Giuliano Venezia Andrea Vianello, Dirigente sportivo A. Coin 1949 Gilberto Sartorato.

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Audizione del Presidente dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Athlon San Giuliano Venezia - Sport, Sicurezza e LegalitÓ le Associazioni Sportive come antidoto alla devianza.

Verbale

 Alle ore 10.15 il Presidente Enrico GAVAGNIN introduce brevemente la realtà delle associazioni sportive,e sottolinea l'importanza della loro azione come prevenzione alla devianza giovanile.

ANDREA VIANELLO ringrazia tutti i presenti e sottolinea positivamente questa riunione di commissione per l'opportunità di illustrare l'attività dell'associazione sportiva Athlon. Prosegue con la spiegazione e l'illustrazione dei dati e delle presenze che durante tutto l'anno, frequentano l'impianto di atletica. Descrive come si svolga la presenza in campo da parte degli atleti, ricordando che ci sono più associazioni sportive e circoli ricreativi oltreché enti pubblici che usufruiscono dell'impianto con esenzioni economiche;l'impianto è completamente accessibile per quanto riguarda l'aspetto della disabilità. Ricorda la storicità dell'impianto sportivo e sottolinea che le scuole usufruiscono dell'impianto a titolo gratuito. Ribadisce che ci sono circa 300 utenti giornalieri e 10.000 presenze annuali. Sottolinea che nella struttura c’è la presenza di un defibrillatore utilizzabile all'occorrenza. Fa sapere che l'impianto è stato costruito su un terreno non inquinato così come i terreni limitrofi pertanto è pienamente fruibile in sicurezza. Prosegue descrivendo le problematiche che l'impianto deve risolvere nel breve e nel lungo periodo, sicuramente risulta prioritario il rifacimento della pista, la creazioni di parcheggi, e l’aumento degli spazi degli uffici delle segreterie. Propone di poter sistemare la parte di terreno fronte via forte Marghera così da utilizzarlo per eventuali parcheggi. Ricorda che la convenzione attualmente in vigore scadrà il 31 dicembre 2017 e quindi bisogna trovare comunque una soluzione entro fine anno considerando che l'impianto affronta diverse e notevoli spese di manutenzione.
Alle ore 10.22 esce il consigliere Pellizzato.

GAVAGNIN ribadisce l'importanza della attività sportiva come antidoto alla devianza, questione questa da studiare e da descrivere con maggiore attenzione attraverso dati specifici. Chiede come si svolge l la presenza di ragazzi in campo, e in che modo i ragazzi abbandonano le attività sportive .

VIANELLO risponde al consigliere Gavagnin e specifica che nella fascia d'età tra i cinque anni e dieci anni c'è un ricambio continuo di ragazzi, tendenzialmente si cerca di creare uno zoccolo duro che possa frequentare in maniera più assidua. Spiega che inoltre i bambini all'interno del campo di atletica sono da ritenersi al sicuro in quanto l'impianto è completamente recintato. Sottolinea che gli istruttori sono altamente qualificati. Fa sapere che un'altra fascia che abbandona le attività di atletica sono i ragazzi che frequentano le università. Evidenzia che presenze tendenziali di allenamento sono di circa tre volte alla settimana per circa un'ora un'ora e mezza, sottolinea che tra gli atleti c'è comunque una buona aggregazione anche al di fuori del semplice allenamento.

GILBERTO SARTORIATO si presenta descrivendo la sua attività da dirigente sportivo. Ricorda che come struttura si sta accogliendo una serie di profughi e alcuni bambini disagiati provenienti da Villa Elena. Pone una riflessione rispetto al pensiero comune sul fatto che fare sport tolga spazio allo studio mentre noi vediamo che i migliori atleti sono anche i ragazzi che hanno i milioni di voti a scuola.

VIANELLO spiega che l'associazione collabora con il Comune di Venezia su diversi fronti. Ricorda la collaborazione con lavoro lavoratori socialmente utili che prestano servizio nell’impianto sportivo.

SENNO sottolinea l'importanza delle società sportive come antidoto alla devianza e come esempio di vita.

FERRAZZI sottolinea la bellezza dell'impianto e l'importanza strategica della struttura per la comunità veneziana e non solo. Sottolinea come l'amministrazione comunale abbia sempre collaborato e impegnandosi nel far funzionare questa struttura. Propone una possibile collaborazione con il campus universitario della zona di via Torino creando anche una passerella di collegamento che possa unire le due parti del territorio.

FORMENTI spiega sono molte associazioni che gravitano attorno all'impianto chiede i numeri del bilancio di gestione e sottolinea l'importanza del bando che si dovrà effettuare entro la fine dell'anno per assicurare la gestione di questa struttura.

VIANELLO risponde al consigliere Formenti ricordando che il costo di frequentazione annua è di 138 € e 69 € annui per i minorenni, mentre sotto i 16 anni non si paga nulla. Sottolinea che 27.000 € all'anno sono le risorse che vengono spese per la manutenzione dell'impianto, il Comune da un contributo per la guardiania che è di 36.000 €.

TOSI chiede da quanti anni venga erogato il contributo economico e da quanti anni ci sia questa convenzione con il Comune.

VIANELLO risponde ricordando che la durata della convenzione che è di cinque anni.

SCANO evidenzia che le delibere sulla concessione non parlano delle tariffe, sottolinea l’importanza del rifacimento della pista; pone una riflessione rispetto alla gratuità dell'impianto destinato all'utilizzazione da parte delle scuole e propone la previsione di un contributo o da parte delle scuole stesse o da parte dell'amministrazione comunale. Paragone questa situazione con il fatto che l'amministrazione comunale contribuisce con il pagamento delle utenze per quanto riguarda le piscine comunali. Sull'area dedicata per fare l'eventuale parcheggio chiede maggiori spiegazioni sulla possibile esistenza di vincoli. Propone di utilizzare il parcheggio di Forte Marghera anche per gli utilizzatori dell'impianto e ritiene possibile la creazione di una ZTL ad hoc.

GAVAGNIN condivide quanto detto del consigliere Scano.
Alle ore 11.12 esce il consigliere Formenti.

VIANELLO fa presente che la casetta del custode ora viene utilizzata come palestra, frequentata da pochi atleti, ad un costo annuo di 115 euro. Ribadisce l’importanza dei parcheggi

GIACOMIN ringrazia i presenti e i rappresentanti dell’associazione sportiva, per il loro impegno e lavoro. Evidenzia l’importanza dello sport come antidoto alla devianza. Chiede chi realizzerà il parcheggio. Propone nella fase di rinnovo della concessione di specificare meglio la situazione tra quote e costi.

VIANELLO ricorda il bando delle periferie e le relative risorse utilizzate.

GIACOMIN auspica che la convenzione possa essere rinnovata.

D’ANNA ringrazia i presidenti che hanno organizzato questa riunione di commissione ed invita ad audire anche altre realtà sportive attive nel territorio comunale. Chiarisce che se le risorse sono arrivate attraverso il bando delle periferie, il sindaco però si è attivato per far sì che tutta la procedura potesse procedere celermente e positivamente, inoltre il contributo comunale di 36.000 euro che viene erogato viene mantenuto nonostante i tagli effettuati in questi ultimi anni.

Alle ore 11.40 il Presidente della II Commissione Enrico Gavagnin, non essendoci ulteriori domande ed esaurito all'ordine del giorno, dichiara chiusa la seduta.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 27-10-2017 ore 14:38
Ultima modifica 27-10-2017 ore 14:38
Stampa