Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Commissioni consiliari > V Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

V Commissione - Verbale

Seduta del 26-09-2017 ore 11:00

 

Consiglieri componenti la Commissione: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Felice Casson, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Andrea Ferrazzi, Gianpaolo Formenti, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Barbara Casarin, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Andrea Ferrazzi, Gianpaolo Formenti, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman, Deborah Onisto (sostituisce Luca Battistella), Nicola Pellicani (sostituisce Francesca Faccini), Francesca Rogliani (assiste), Monica Sambo (assiste), Silvana Tosi (sostituisce Marta Locatelli)

 

Altri presenti: Assessore Massimiliano De Martin, Direttore Raffaele Pace, Dirigente Mario Scattolin.

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 469 (nr. prot. 82) con oggetto "Il futuro delle attivitÓ di controllo inquinanti nella laguna di Venezia - INTERPELLANZA a risposta orale ai sensi dellĺart. 8 del Reg. C.C.", inviata da Davide Scano

Verbale

Alle ore 11.06 la Presidente Lorenza Lavini constatato il numero legale introduce brevemente l’o.d.g. e invita l’interpellante alla presentazione dell’atto.

SCANO chiarisce che anche in Parlamento è stata redatta una interpellanza simile in modo da porre la questione anche a livello nazionale. Sottolinea che le domande poste in questa interpellanza coinvolgono tutti i livelli dei controlli, la questione sugli inquinanti nelle acque lacunari è importante. Ricorda che Thetis controllava e monitorava le situazioni ambientali delle acque lagunari. Elenca brevemente le tipologie di controlli. Sollecita l’amministrazione comunale a muoversi verso il ministero per acquisire personale altamente qualificato nella verifica e nell'azione di controllo.

DE ROSSI chiede che sul tema si possa produrre una mozione allargando l'argomento sulla tutela della laguna.

PELLICANI evidenzia che il problema su Thetis è molto attuale, la crisi di questa società è evidente, mancano i pagamenti da parte del Consorzio Venezia Nuova. Ritiene che l’attività di Thetis non possa interrompersi e il passaggio all' ARPA potrebbe essere una soluzione ma non ci sono le risorse per pagare i 23 dipendenti. Esprime il proprio accordo per una possibile mozione sull’argomento, ma chiede che il Sindaco chiarisca direttamente in Consiglio Comunale gli intendimenti dell’Amministrazione Comunale.

DE ROSSI auspica che si possa definire la situazione in modo chiaro anche a livello nazionale.

D’ANNA sottolinea che l'interpellanza è stata redatta precisamente e questa discussione precede di un giorno l'incontro in prefettura su Thetis. Sottolinea positivamente la mozione da redigere su questo argomento e ricorda che l’Amministrazione Comunale è molto attenta su questa questione.

DE MARTIN chiarisce che queste richieste non riguardano in modo diretto questo referato. Evidenzia che Thetis è il fulcro dell’interpellanza trattata oggi in commissione. Esprime il proprio accordo sulla possibile mozione bipartisan, ricordando che gli interlocutori su questo argomento sono diversi, dall’Amministrazione Comunale all'ex Magistrato alle acque e il Consorzio Venezia Nuova.

SCATTOLIN chiarisce che non entrerà nel merito della questione dei lavoratori. Ricorda che Thetis nasce come organizzazione per controllare le acque delle bocche di porto. Ricorda che all'interno dell’ ex Magistrato alle acque esiste già un ufficio che si occupa di questo argomento. Fa sapere che anche l’Amministrazione Comunale si è occupata di questo argomento. Pone una riflessione sull’ufficio antinquinamento dell'ex Magistrato alle Acque che doveva essere implementato, ed ora bisognerà capire il futuro di questa struttura. Sottolinea che il mancato finanziamento di Thetis da parte del Consorzio Venezia Nuova, potrebbe attivare delle sinergie tra le varie realtà presenti sul territorio che già si occupano di questi argomenti.

DE MARTIN pone una riflessione ai commissari sul futuro di Thetis.

SCANO chiarisce l'ex Magistrato alle Acque ha la competenza sui controlli da eseguire in laguna. Ricorda che Thetis nasce dei dipendenti precari dell'ex Magistrato alle Acque, ed ora non ci sono dubbi che sarà la città metropolitana ad assumere queste competenze; quindi risulta importante definirle.

FIANO ritiene che il personale di Thetis debba continuare a produrre dati sui controlli delle acque delle bocche di porto e di tutto l'ambito lagunare.

LAVINI sottolinea e ricorda la mozione da compilare bipartisan su questo argomento.

R.SCARPA esprime il proprio disaccordo rispetto al fatto che lo Stato non si responsabilizzi su questa questione e che questa competenza venga demandata ad altri enti. Ritiene che i costi per sostenere economicamente Thetis siano pari a 95 milioni di euro e la Città Metropolitana, ad oggi, non può sostenere. Invita a porre molta attenzione su questo passaggio di competenze.

LAVINI chiede all’interpellante se si ritiene soddisfatto delle risposte ottenute .

SCANO esprime la propria soddisfazione per la discussione sviluppatasi in questa riunione di commissione.

Alle ore 11:40 la Presidente Lorenza Lavini chiude i lavori della commissione.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 19-01-2018 ore 12:34
Ultima modifica 19-01-2018 ore 12:34
Stampa