Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2015-2020 > Commissioni consiliari > IV Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

IV Commissione - Verbale

Seduta del 28-06-2017 ore 14:30
congiunta alla II Commissione, alla VI Commissione e alla IX Commissione

 

Consiglieri componenti le Commissioni: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Felice Casson, Saverio Centenaro, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Andrea Ferrazzi, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Giovanni Giusto, Elena La Rocca, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Deborah Onisto, Giorgia Pea, Giovanni Pelizzato, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Francesca Rogliani, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Ottavio Serena, Chiara Visentin, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Barbara Casarin, Saverio Centenaro, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Andrea Ferrazzi, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Elena La Rocca, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Deborah Onisto, Paolo Pellegrini, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Matteo Senno, Chiara Visentin, Sara Visman, Silvana Tosi (sostituisce Giovanni Giusto)

 

Altri presenti: Direttore Maurizio Carlin

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Illustrazione della proposta di deliberazione di iniziativa consiliare: AccessibilitÓ alla cittÓ antica ed alle isole. PD N. 122 del 4 Aprile 2017.

Verbale

Alle ore 14:45 il Consigliere Formenti assume la presidenza e, constatata la presenza del numero legale, dichiara aperta la seduta. Legge l'ordine del giorno e lascia la parola al primo consigliere proponente.

FERRAZZI spiega che questa Proposta di Deliberazione fa parte di un gruppo di delibere che stanno illustrando in questi giorni e affronta un tema di straordinaria importanza. Venezia è città straordinaria che ha bisogno di leggi ad hoc e non indistinte; va salvaguardata la città, la laguna, le sue pietre e i suoi abitanti. Il tema della mobilità, con residenti e turisti, diviene quindi cruciale. Il punto d'accesso alla città è solo Piazzale Roma, col conseguente affollamento in Canal Grande, per cui il grande tema è liberare l'accesso a P.le Roma e ridurre così l'affollamento in Canal Grande: per far questo bisogna diversificare gli Hub. Anche gli arrivi dei treni non aiutano: i turisti utilizzano sempre il Canal Grande e i vicini servizi di P.le Roma. La Delibera propone di realizzare due Hub, uno a San Giobbe per la laguna nord e uno a San Basilio per la sud. Si tratta di un tema strategico, inserito anche in campagna elettorale, di cui l'Amministrazione deve prendere atto e decidere, anche in senso negativo ma giustificando le ragioni dell'eventuale no, anche perché sostiene che l'Amministrazione su questo tema, come ad esempio sul moto ondoso, sia ferma. Aggiunge la questione dei nuovi alberghi in terraferma, a Ca' Marcello, che peggioreranno ancor di più la situazione di P.le Roma. Il Piano Regolatore della Città di Venezia stabilisce che il ponte della Libertà dovrebbe esser dedicato solo a residenti e pendolari, crede sia la linea giusta, riducendo così anche il traffico di P.le Roma alle due categorie sopra menzionate per il tramite della Carta dei Servizi d'Accesso presentata in altre Commissioni. Sulla questione dei treni sostiene che i flussi non sono controllati e studiati come dovrebbero. Ultima proposta è istituire dei punti informativi per i turisti.

SCANO dichiara d'aver letto con interesse la Proposta di Deliberazione che pone l'accento sul tema della mobilità: molte di queste previsioni sono contenute negli strumenti urbanistici, ad esempio nel piano del traffico, poi non approvato, dove si dicono cose ben precise ad esempio sulla diversificazione degli accessi a Venezia, sui Terminal di Tessera e Fusina. È un disegno che va finito, con San Basilio e San Giobbe, con l'eventuale creazione o modifica delle linee di navigazione. Aggiunge, sul ponte della Libertà, che le funzioni di P.le Roma non possono esser incrementate a dismisura perché in questo modo s'aumenta il rischio d'incidenti, col conseguente blocco del ponte e quindi della città. Il nodo P.le Roma/Tronchetto non va ampliato ma ridotto. Ha ricevuto dei dati dal Dirigente della mobilità che indicano come in alcune fasce e orari il ponte sia già in fascia “E”, ovvero la peggiore per i livelli di traffico. Va privilegiato il trasporto pubblico e prese delle decisioni per risolvere il problema del transito sul ponte.

VISENTIN chiede al Consigliere proponente se tutte le linee di trasporto che transitano sul ponte vanno destinate a residenti e pendolari e quale strumento ipotizzi per bloccare le auto e dove.

FERRAZZI risponde affermativamente alla prima domanda della Consigliera Visentin sostenendo non sia difficile limitare l'accesso a P.le Roma solo a residenti e pendolari con dei sistemi telematici, non fisici. Ad esempio per i pendolari basterebbe una dichiarazione del datore di lavoro e questo riguarderebbe sia il trasporto pubblico locale che le macchine. Gli aspetti tecnici sono comunque da definire, questa Proposta di Deliberazione rappresenta la filosofia. Al di là delle strumentazioni tecnologiche, va creata l'alternativa che, appunto, può esser rappresentata da San Giobbe o San Basilio o dal Tronchetto; una politica che va costruita. Si passa sempre per il ponte della Libertà ma senza intasare P.le Roma ed il Canal Grande.

PELLEGRINI afferma che queste Proposte di Deliberazione propongono dei problemi e suggeriscono delle soluzioni, quali gli Hub di S. Basilio e S. Giobbe. Condivide la posizione sull'Hub di San Basilio ricordando che lui stesso s'era speso per questa soluzione, mentre è più perplesso per quello di San Giobbe che servirebbe solo per chi arriva in treno. In merito al parcheggio per residenti ricorda la convenzione con l'Autorità Portuale e con l'Aeroporto sul T2 proprio per andare incontro a quest'esigenza, pur sapendo che l'Autorità portuale comunque tutelerà i suoi interessi. Sul traffico sul ponte della Libertà, escludendo i casi d'incidente e le ore di punta, non vede problemi. Fa presente che molte di queste osservazioni sono già all'attenzione della Giunta che ci sta lavorando. Il traffico sul ponte della Libertà è dovuto anche alle soluzioni che il Governo dice di star prendendo a breve ma non arrivano mai, come per le Grandi navi. Sposa la genericità del problema indicato nella Proposta di Deliberazione e l'Hub di San Basilio.

GIACOMIN sostiene che la proposta può andare bene nel suo insieme e concorda col consigliere Pellegrini sugli Hub di San Basilio e San Giobbe. Desidera capire meglio cosa s'intenda per potenziare la funzione dei parcheggi scambiatori che, ricorda, solo in parte vengono utilizzati, anche se l' SFMR già esiste e, nel caso, come si faccia a potenziare.

LA ROCCA condivide molti dei punti programmatici contenuti nella Proposta di deliberazione, in modo diretto o indiretto; il traffico va gestito diversamente potenziando i collegamenti laguna nord / laguna sud con la terraferma. Aggiunge va pensato e rafforzato un collegamento circolare più ampio per tutti i Forti, è una loro proposta che va sviluppata per aiutare anche a diversificare l'offerta turistica. Il Trasporto Pubblico Locale ha già avuto delle riduzioni, capisce che alla fine ci si trovi sempre a discutere di budget, però anche su questo aggiunge che hanno in cantiere una mozione per sostituire alcune tratte periferiche meno utilizzate con dei mezzi maggiormente idonei, per ottenere delle economie di spesa. È vero che non ci sono soldi ma si sta facendo poco per attrarre risorse, ad esempio non capisce perché il Sindaco non voglia attuare la tassazione di 3 € a turista per coprire le spese della gestione dei rifiuti ed altre. Il TPL non può coprire tutto, vanno capite le alternative. La leva di differenziare il turista dal residente va capita e studiata bene, differenziare totalmente i percorsi potrebbe avere degli effetti forse duri ma può essere un passaggio quasi necessario per incentivare i privati a fornire servizi su delle rotte non appetibili. Il turismo giornaliero va tassato.

LAZZARO vista la proposta del consigliere Ferrazzi si augura che tutti i Consiglieri vogliano trovare un accordo senza restare bloccati nelle singole posizioni, chiede la massima collaborazione per fare andare avanti le cose.

FERRAZZI in risposta al consigliere Pellegrini fa presente che l'Hub di San Giobbe va implementato per i piani urbanistici di sviluppo di quell'area, col campus universitario ad esempio, per questo motivo è una necessità potenziarlo. Ritiene inoltre che l'Hub di San Giobbe torni utile anche per raggiungere la zona dell'Arsenale e il Lido. In riferimento a quanto affermato dal consigliere Giacomin sui parcheggi scambiatori sostiene che oggi l' SFMR non stia funzionando, va fatto un gran lavoro, vanno creati servizi a supporto, per farlo funzionare. Chiede quali siano le proposte su cui sta lavorando l'Amministrazione citate dal consigliere Pellegrini perché sul traffico acqueo e sul TPL ad oggi non ne vede nessuna.

LAZZARO in merito ai parcheggi scambiatori di Trivignano- Zelarino tiene a precisare che gli autobus diretti alla stazione erano più veloci mentre ora hanno tempi più lunghi, che vanno ridotti. I parcheggi scambiatori vanno collegati e migliorati, sono cose che ha già riferito anche all'Assessore competente.

CROVATO apprezza il lavoro fatto dal consigliere Ferrazzi, anche se ritiene si tratti più di una mozione che di una Proposta di Deliberazione. Ricorda vecchie proposte di bloccare i passaggi prima del ponte della Libertà e altre che prevedevano d'allargare il ponte stesso e che, 70 anni fa, P.le Roma era considerata una soluzione provvisoria. Si dichiara preoccupato dalle conseguenze dei nuovi posti letto a Ca' Marcello e in via Torino, perché Venezia e Mestre saranno un'unica cosa dal punto di vista dell'offerta turistica, per fortuna queste nuove strutture ricettive sono raggiungibili anche via acqua che si augura venga utilizzata. Ritiene che anche la zona dell'Arsenale debba esser pensata come punto di accesso alla città. Ricorda che la Giunta sta lavorando su questi temi.

VISMAN concorda con molti dei punti citati dal consigliere Ferrazzi che sono anche nel programma del Movimento 5 stelle. Condivide la possibilità di diversificare gli accessi per alleggerire il ponte della Libertà che sarà sempre più in difficoltà viste anche le nuove costruzioni; bisogna concentrarsi sulle soluzioni alternative.

Alle ore 15:50 il presidente Formenti, svoltasi regolarmente l'illustrazione e non essendoci ulteriori domande, dichiara chiusa la seduta.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 18-07-2017 ore 09:47
Ultima modifica 18-07-2017 ore 09:47
Stampa