Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2015-2020 > Commissioni consiliari > IX Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

IX Commissione - Verbale

Seduta del 14-04-2017 ore 09:00

 

Consiglieri componenti la Commissione: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Francesca Faccini, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giovanni Giusto, Elena La Rocca, Lorenza Lavini, Giorgia Pea, Giovanni Pelizzato, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Monica Sambo, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Saverio Centenaro, Paolino D'Anna, Francesca Faccini, Enrico Gavagnin, Elena La Rocca, Lorenza Lavini, Giovanni Pelizzato, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Monica Sambo, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Sara Visman, Alessio De Rossi (sostituisce Luca Battistella), Giancarlo Giacomin (sostituisce Maurizio Crovato), Deborah Onisto (sostituisce Gianpaolo Formenti), Francesca Rogliani (sostituisce Barbara Casarin), Silvana Tosi (sostituisce Giovanni Giusto)

 

Altri presenti: Assessore Francesca Da Villa, Direttrice Stefania Battaggia, Funzionaria Zancarello Sabrina

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Proseguimento esame della proposta di deliberazione P.D.85/2017: " Misure limitanti l'esercizio di attivitÓ non compatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale di Venezia da sottoporre all'Intesa con la Regione e sentito il Ministero per i beni e le AttivitÓ Culturali - Direzione Regionale per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Veneto- Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna prevista dall'articolo 1, comma 4 del Decreto Legislativo 25 novembre 2016 n.222".

Verbale

Alle ore 9.16 il Presidente della IX Commissione Consiliare Paolo Pellegrini, constatata la presenza del numero legale, dichiara aperta la seduta illustrando l'ordine del giorno. Quindi informa che sono pervenuti i pareri delle Municipalità di Lido Pellestrina e di Venezia - Murano- Burano. La Municipalità di Lido Pellestrina ha espresso parere favorevole con annotazione. La Municipalità di Venezia ha espresso parere contrario

DA VILLA dichiara che non ci sono particolari osservazioni da fare. Comunica di avere assistito ai lavori della Municipalità del Lido e sono emerse delle considerazioni. In generale comunque l'iniziativa ha riscosso una certa soddisfazione

PELLICANI ricorda che nella precedente seduta si è evidenziato che la proposta di deliberazione deve essere solo un punto di partenza ma devono seguire altri provvedimenti

ONISTO esprime perplessità sul fatto che si possano aprire conflittualità nel territorio. Chiede chiarimenti sul ruolo della Regione. Chiede inoltre se è stata sentita ll'Avvocatura Civica

BATTAGGIA ricorda che il Decreto Legislativo n.222 del 25 novembre 2016 prevede che il provvedimento venga adottato dai Comuni con l'intesa della Regione. Questo tipo di procedura adottata dal Comune di Venezia è la prima sperimentazione a livello regionale. Si dovrà inviare poi la delibera alla Regione. Il provvedimento è stato visto anche dall'Avvocatura Civica

SAMBO fa notare che il punto 2 del deliberato sembra quasi una specie di lettera morta mentre poteva già essere oggetto della delibera. L'indicazione è troppo generica. Anche il problema dei subingressi non è stato affrontato. Fa fatica a comprendere certi passaggi

BATTAGGIA spiega che con il primo punto della proposta di deliberazione si vanno a delineare in maniera ristretta i primi interventi. Tali interventi sono stati limitati a determinate tipologie e discussi con le Associazioni di categoria. Si era pensato anche di intervenire nei subingressi ma le Associazioni di categoria hanno espresso parere contrario. Infatti bloccare un subingresso di una attività è molto limitante per il commercio. Perciò non sono stati fatti interventi di subingressi

PELLEGRINI sottolinea che la questione subingressi è subordinata al fatto che chi cede l'attività spesso ha una società. Bisogna quindi stare attenti a non esporsi a dei ricorsi

BATTAGGIA spiega che il punto 2 è volutamente ampio. Ci sono diversi regolamenti che sono collegati ai vari interventi ( regolamento di polizia urbana, regolamento di igiene e regolamenti che disciplinano i rifiuti ed il verde). Il panorama regolamentare quindi è ad ampio spettro. Sarà necessaria una raccolta di proposte da parte di vari soggetti. Il 2 punto dovrà essere tarato poi con le osservazioni della Regione Veneto. Si potrebbe anche ipotizzare una disparità di trattamento tra le nuove attività e le vecchie. Le Associazioni di categoria finora non hanno ancora fatto proposte operative

PELLEGRINI fa presente che per quanto riguarda i pianini la Soprintendenza è sempre stata presente. La Regione invece non ha partecipato alla Conferenza sul take away

SAMBO ritiene necessario rivedere il punto 1

BATTAGGIA spiega che la delibera verrà trasmessa alla Regione. La Giunta regionale approverrà la delibera una volta ritenuta corretta. Si configurerà così l'intesa tra Regione e Comune. Nel caso la Giunta regionale dovesse invece apportare delle modifiche il provvedimento verrà riportato in Consiglio comunale. C'è la possibilità anche di una variante urbanistica

CENTENARO ritiene necessario incontrare la politica regionale per dare concretezza al provvedimento

DA VILLA trova azzardato affermare che il testo trova l'identificazione tra Regione e Comune. La Regione ha una visione più ampia avendo molti comuni. I contatti politici ci sono

PELIZZATO trova grottesco proporre un provvedimento per vedere poi come risponde la Regione. Bisogna incontrarsi prima e discutere. E' da capire inoltre se l'atteggiamento della Regione è più restrittivo o più libero e vede male le imposizioni. Chiede una commissione ad hoc sul Decreto Legislativo 222

Alle ore 9.51 entra la Consigliera La Rocca

Alle ore 9.53 esce la Consigliera Sambo

DA VILLA risponde che la Regione vede di buon occhio tale strumento ed è pensabile mettere in atto anche provvedimenti più decisi. Ma i Comuni sono tanti e la questione inverte su più centri storici. Questa proposta di deliberazione è un atto pioniere

PELLEGRINI ritiene importante sapere cosa pensa il Governo sul Decreto Legislativo 222

BATTAGGIA informa che ha fatto un incontro tecnico con i dirigenti della Regione. Questi ritengono un valore aggiunto fare un'esperienza con il Comune su una cosa del tutto nuova. Anche loro si confronteranno con l' Avvocatura

RENZO SCARPA pensa che il Comune dovrebbe per primo avere le idee chiare sul tema. La proposta di deliberazione non potrà fare molto ma è un piccolo tassello. Auspica che il dibattito odierno possa contribuire a costruire una strategia anche perchè la città non si governa se non si governano le attività economiche. Le attività artigianali sono in difficoltà a causa degli affitti troppo alti ma anche per la concorrenza. Il provvedimento può aiutare gli artigiani ma deve essere finalizzato ad una strategia. Ci vuole un contingentamento delle attività. Bisogna convincere la Regione sull'importanza dell'atto

Alle ore 10.00 esce il Consigliere D'Anna

VISMAN manifesta dubbi sui tempi e sull' efficacia del provvedimento. Importante prima aprire un dialogo con la Regione. Proporrà in Consiglio degli emendamenti alla proposta di deliberazione. In merito al punto 2 dell'atto sta preparando un testo di modifica al regolamento di polizia urbana e al regolamento sui rifiuti

PELLEGRINI sottolinea che spesso il contingentamento si risolve in un pugno di mosche. Qundi informa che è stato incaricato un dirigente a studiare sugli involucri scartati

RENZO SCARPA conferma la validità dei contingentamenti

BATTAGGIA spiega che la tematica sulle liberalizzazioni in Italia ha viaggiato molto diversamente. In alcune Regioni le liberazzazioni si sono spinte più avanti ma il mondo dei trasporti rimasto indietro rispetto a tale percorso

TOSI pensa che il provvedimento vada prima presentato alla Regione, il cui parere è molto importante. In merito al punto 1 ritiene che non basti limitare ma bisogna eliminare l'esercizio di attività future. Chiede chiarimenti sul punto 2 della proposta di deliberazione

BATTAGGIA spiega che il punto 2 è finalizzato a portare a discussione delle misure di intervento valutate in maniera articolata. Il punto 2 non è stato declinato ma da mandato ad azioni che richiedono un interlocutorio con altri soggetti

Alle ore 10.26 esce la Consigliera Faccini

CANTON nota che c'è l'idea di un piano più ampio ma servono accordi con altri soggetti. Esistono già delle limitazioni per alcune attività in certi posti ma si cercherà di estenderle ad altre zone della città

PELLICANI ritiene utile sentire la Regione in Commissione

PELLEGRINI fa presente che verrà chiesto all'Assessore Regionale come viene interpretato il Decreto Legislativo 222

VISMAN chiede se esiste una scadenza

DA VILLA risponde che non pensava di porre una scadenza ma la cosa può essere presa in considerazione

LA ROCCA chiede chiarimenti sui supermercati che vendono take away

DA VILLA risponde che l'attività economica dei supermercati che vendono cibo da consumare per strada è difficile da frenare ma è emersa la necessità del controllo. Ci vorrebbe un team specializzato di polizia del commercio

PELLEGRINI comunica che verrà convocata una seduta di commissione sulla necessità di trovare un luogo con toilette per chi vuole mangiare al sacco

Il Presidente propone di portare la proposta di deliberazione in Consiglio per la discussione

La Commissione accetta

Alle ore 10.40 esaurito l'ordine del giorno il Presidente dichiara sciolta la seduta

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 26-06-2017 ore 15:02
Ultima modifica 26-06-2017 ore 15:02
Stampa