Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Commissioni consiliari > VIII Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

VIII Commissione - Verbale

Seduta del 11-04-2017 ore 16:30
congiunta alla X Commissione

 

Consiglieri componenti le Commissioni: Luca Battistella, Maika Canton, Saverio Centenaro, Ciro Cotena, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Elena La Rocca, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Deborah Onisto, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Ottavio Serena, Silvana Tosi, Chiara Visentin, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Paolino D'Anna, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Elena La Rocca, Bruno Lazzaro, Deborah Onisto, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Monica Sambo, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Silvana Tosi, Sara Visman, Francesca Rogliani (sostituisce Chiara Visentin)

 

Altri presenti: Assessore Michele Zuin, Dirigente Nicola Nardin, Funzionario Michele Dal Zin, avv. Camilla Temperini AVM

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 645 (nr. prot. 28) con oggetto "Contratti tra Ve.La. S.p.A. e societÓ del Sindaco ed elusione del Codice degli Appalti - INTERPELLANZA a risposta orale in commissione ai sensi dellĺart. 8 del Reg. C.C. ", inviata da Davide Scano

Verbale

FIANO: alle ore 17.48 , verificato il numero legale , apre ai lavori di commissione con la lettura dell'ordine del giorno: " Discussione dell'interpellanza nr. d'ordine 645 ( nr.prot.28 ) con oggetto "Contratti tra VE.LA S.p.A. e società del Sindaco ed elusione del Codice degli appalti – INTERPELLANZA a risposta orale in commissione ai sensi dell'art. 8 del Reg C.C., inviata da Davide Scano".

SCANO: nel ripercorrere la procedura attuata negli ulimi anni per quanto riguarda le gare ed i contratti da parte di Ve.LA., dal 2013 al 2015, ricorda ,prendendo spunto dai dati pubblicati sul sito della società , che il 98% degli affidamenti dei servizi viene attuata con modalità diretta, nel caso di importi inferiori a 40.000 euro, con importo inferiore a 150.000 euro con procedura negoziata previa consultazione di almeno cinque operatori e a partire da importi superiori ai 209.000 euro attraverso vere proprie gare di appalto. Ricorda che scopo dell'interpellanza presentata e' di comprendere come opera la socità Ve.La anche per eventuali riduzione di spese che si riscontrano essere in aumento rispetto agli anni precedenti. Riferendosi ad ATTIVAS.p.A. , che fa capo al gruppo UMANA e quindi riconducibuile alla figura del Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e nella interrogazione vengono riportati , sempre mediante affidamento diretto diversi incarichi , e con riferimento al paragrafo 2.2 del Codice Etico e di Comportamento adottato da AVM in cui si prevede che " ... i Destinatari delle norme del presente Codice devono evitare tutte le situazioni e tutte le attività in cui si possa manifestare un conflitto con gli interessi di AVM o che possano interferire con la loro capacità di assumere in modo parziale interessi ,decisioni nel migliore interesse deella Società [...] " e concludendo che un dipendente e o amministratore possa essere perturbato nella sua integrità se la società sia riconduvfibile al Sindaco stesso.

FIANO: al termine dell'intervento del consigliere Scano apre all'intervento dell'assessore Zuin.

ZUIN: in risposta all'intervento del consigliere Scabo, riporta che è opportuno evidenziare che generalmente il Gruppo AVM, ai fini dei contratti pubblici, è ricompreso nei “settori speciali” (art. 10 codice appalti) di cui al Titolo VI del codice appalti e non nei “settori ordinari”, con ciò che tale assunto comporta, tra cui il limite dei contratti pubblici sottosoglia per le forniture e i servizi pari ad € 418.000 e non a € 209.000.In caso di contratti misti, si seguono le disposizioni di cui all’art. 28 dlgs 50/16.
Nello specifico, sul punto 1 di cui all’interpellanza del consigliere Scano, si rileva che il conflitto di interessi richiamato nel Codice Etico attiene alle attività personali dei singoli “destinatari” (amministratori/dipendenti) di detto Codice, esercitate al di fuori dell’azienda di appartenenza.E a tal fine, si precisa che nessun “destinatario” intrattiene con la società Attiva S.p.A. alcun rapporto di “investimento, affari o attività di altro genere”, tale da costituire un conflitto di interessi.
Sul punto 2 e 3, si precisa che, come previsto dall’art. 36 codice appalti, negli affidamenti inferiori
alla soglia di € 40.000, Vela S.p.A. provvede all’affidamento diretto, eventualmente previa indagine
di mercato o specifica richiesta di preventivi. In tali casi, la motivazione viene assorbita mediante la
“valutazione comparativa dei preventivi di spesa forniti da due o più operatori economici”.
Sul punto 4, si evidenzia che Vela rispetta i principi di cui all’art. 30 dlgs 50/16 sia predisponendo
le procedure ad evidenza pubblica, sia utilizzando nel più ristretto ambito dei contratti infra €
40.000, ove possibile -cioè in presenza di costi/spese programmabili e/o anticipatamente
prevedibili-, il sistema degli accordi quadro sottoscritti a seguito di procedura ad evidenza pubblica
(come, ad esempio, nel caso di servizi di piccola manutenzione, fornitura e installazione di fuochi di
artificio, servizi di pulizia, fornitura di buoni pasto, servizi di assicurazione legati agli eventi e alle
manifestazioni storiche).
Sul punto 5, per quanto di competenza, si ricorda che, secondo la ristrutturazione aziendale di
Gruppo avviata nel marzo 2016 e a seguito di un processo di accorpamento degli uffici, attualmente
la direzione Appalti e Acquisti è direzione centralizzata e trasversale, che esegue le procedure di
rito per tutte le società del Gruppo sia sotto che sopra soglia, così come evidenziato
nell’organigramma aziendale pubblicato nel sito istituzionale di AVM.


TEMPERINI. interviene nel ricordare che stando al codice appalti , nel caso di importi da o a 40.000 euro è necessario avere un codice identificativo (denominato CIG, che dovrà essere riportato negli atti relativi alla procedura di richiesta di offerta) sia che si partecipi o meno ad una gara di appalto , mentre nel caso dei preventivi se ne richiedo anche piu' di tre e ricorda che dal marzo 2016 si e' cercato di evitare delle committenze interne al fine di evitare quanto previsto dalle norme di anticorruzione. Nel caso di somme superiori ad importi di 40.000 euro ci si attiene a procedure negoziate a preventivo con minimo cinque preventivi ed evidenza quanto già riportato dall'assessore nel citato punto numero 4 della relazione letta in risposta alla interpellanza numero 645.

SCANO chiede chiarimenti in merito al trasporti pubblici in merito al ruolo ricoperto dalla società ATTIVA che ha otrtenuto , mediante affidamento diretto , diversi incarichi nel settore marketing e della pubblicità.

ZUIN : ribadisce che la società ATTIVA non organizza eventi ma si occupa per lo piu' di pelliccolazione di mezzi di trasporto pubblico.

SCANO: evidenzia che e' interesse di AVM di assumere dei procedimenti di tutela agli interessi della società e lamenta che la sociatà sia in qualche modo riconducibile al Sindaco possa dare modo di turbare le procedure ed influenzare qualsiasi oggettività.
Esprime di non ritenersi soddisfatto delle risposte ottenute e pone l'attenzione del fatto che tutte le spese compiute- per pulizia, trasporto barche, fornitura pasti e quant'altro – non superino mai la soglia menzionata dei 40.000 euro e in una somma complessiva di tutte le categorie di spesa e' certo che potrebbe essere anche superata la quota dei 209.000 euro, in quest'ultimo caso non si riscontrerebbero dubbi di imparzialità e motivo di presentare una interpellanza in merito alal questione. Conclude ricordando che al punto 7 della interpellanza pone attenzione "se non si ritenga opportuno chiedere l'espressione di un parere, rispetto alla tematiche qui sollevate , ad ANAC ed Autorità Antitrust".

ZUIN : ribadisce che a partire dal marzo 2016 si e' attuato un modo diverso di agire istituendo una centrale unica e di conseguenza vi è stata una dimunizione di circa l'11% di acquisti avvenuta sotto soglia e che comunque nel maggioranza dei casi vengono richiesti più preventivi e si applicano le procedure senza dover turbare nessuno .

SCARPA R. : ricorda che rientra nei compiti dei consiglieri comunali fare da controllo non tanto la "macchina " e lamenta per trasparenza che spesso i dati riportati non sono di facile consultazione per fare gli opportuni controlli.Nel merito della questione ritiene opputuno proporre una una interpellanza al fine di avere gli adeguati chiarimenti sull'eventuale operato delle società in capo al Sindaco.

FIANO: chiarisce che si parlava di affidamento e chiede come vfengono individuate le imprese per i preventivi .

VISMAN: concordando con quanto affermato dal presidente di commissione esprime la necessità di comprendere quale criterio di scelta venga attuato a determinare le ditte partecipanti alle gare.

SAMBO: ritiene necessario comprendere come funziona il meccanismo di rotazione e le precedure che si attuano nell'individuare le imprese partecipanti alle gare, inoltre pone attenzione nel riflettere sulla questione tecnica riguardante il codice etico .

TEMPERINI : ricorda che le procedure negoziate esiste la procedura d'iscrizione al preposto albo da parte dei fornitori ma che non tutti ne fanno parte per una serie di step previsti e spesso per la complessità delle procedure d'iscrizione fanno si che fornituru non ne fanno richiesta. Riporta che nel caso menzionato della pellicolatura dei mezzi di trasporto e' stata avviata una cara su territorio nazionale ed hanno partecipato solo due società e tra queste ATTIVA .

VISMAN: chiede se in territorio locvale non vi fossero altre società che potessero partecipare .

SCANO: esprime la necessità di avere dei chiarimenti all'albo .

TEMPERINI : ribadisce che le piccole aziende spesso per lungaggini menzionate nell'iscriversi all'albo e non partecipano alla gare previste.

ZUIN : in conclusione ritiene che non vi siano questioni di opportunità od inopportunità se una ditta che con procedura negoziata non possa accedere e non accetta che gli si accusa di non fornire i dati richiesti.

FIANO: ritiene opportuno che si possa accedere ai dati della società .

ZUIN : didichiara piena collaborazione perche' vi sia una maggior trasparenza e modalità di azioni uniformate.

FIANO: alla ore 18 .14 dichiara la chiusura dei lavori di commissione.

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 07-01-2020 ore 08:58
Ultima modifica 07-01-2020 ore 08:58
Stampa