Logo della CittÓ di Venezia
Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale archivio 2015-2020 > Commissioni consiliari > VIII Commissione > Archivio atti > Verbale
Contenuti della pagina

VIII Commissione - Verbale

Seduta del 28-10-2015 ore 09:30
congiunta alla III Commissione

 

Consiglieri componenti le Commissioni: Luca Battistella, Maika Canton, Barbara Casarin, Saverio Centenaro, Maurizio Crovato, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Andrea Ferrazzi, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Elena La Rocca, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Marta Locatelli, Deborah Onisto, Giovanni Pelizzato, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Francesca Rogliani, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Ottavio Serena, Silvana Tosi, Alessandro Vianello, Chiara Visentin, Sara Visman

 

Consiglieri presenti: Maika Canton, Barbara Casarin, Maurizio Crovato, Alessio De Rossi, Francesca Faccini, Rocco Fiano, Gianpaolo Formenti, Enrico Gavagnin, Giancarlo Giacomin, Lorenza Lavini, Bruno Lazzaro, Deborah Onisto, Giovanni Pelizzato, Paolo Pellegrini, Nicola Pellicani, Francesca Rogliani, Davide Scano, Alessandro Scarpa, Renzo Scarpa, Matteo Senno, Ottavio Serena, Silvana Tosi, Chiara Visentin, Sara Visman

 

Altri presenti: Assessore Simone Venturini, Direttore Luigi Gislon, Dirigente Giovanni Chinellato.

 

Ordine del giorno della seduta

  1. Approfondimento sulle risorse economiche relative alla gestione delle Politiche Sociali.

Verbale

Alle ore 9.50 il Presidente della VIII Commissione Consiliare Rocco Fiano di concerto con il Presidente della III Commissione Consiliare Alessio De Rossi assume la presidenza della seduta e constatata la presenza del numero legale dichiara aperta la seduta, evidenziando l'importanza di monitorare la situazione delle politiche sociali, in quanto settore molto vasto, importante e delicato del Comune di Venezia che coinvolge anche altre strutture. Molte competenze sono a carico delle Municipalità.

VENTURINI spiega che i centri di costo delle politiche sociali sono i più ampi del Bilancio. La situazione economica è difficile e ci saranno dei nuovi tagli di bilancio. Si dovranno così rimodulare i servizi sociali cercando di mantenere inalterati i servizi anche in presenza di minori risorse. Il Comune e la direzione Politiche Sociali non si occupano dei minori e dell'emergenza adulti che sono invece in capo alle Municipalità. Necessario un front- office nei territori con un back office centralizzato. Tra gli ambiti essenziali ci sono i servizi per gli anziani (assistenza domiciliare, centri diurni) con un costo di 13 milioni su base annua. Altro costo importante quello per disabili e salute mentale di 16 milioni di Euro. Il servizio per l'infanzia e adolescenza ha il costo di 2 milioni e 200 mila euro che include anche l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati che costano al Comune 1,5 milioni, più 500mila euro che quest'anno si stima si aggiungeranno. Somme che dovrebbero essere a carico dello stato.Lo stato rimborsa per ogni ragazzo 45 euro ma il comune ne paga 110. Quest'anno sono transitati 353 minori, alcuni scappano dalla guerra ma altri sono furbetti. Bisogna percio' verificare se ci sono parenti per evitare il costo di 500.000 mila previsti in piu' quest'anno. Si sta lavorando anche ad una riforma della legge regionale. Il servizio immigrazione è finanziato al 90% dallo Stato. Servizi come ETAM (animazione di comunità ) Riduzione del danno, Città e prostituzione, lotta alla tratta e i senza dimora costano 1,8 milioni di euro di cui 1,1 milioni finanziati da progetti ministeriali ed europei. Si vuole coinvolgere le IPAB con più servizi. Il Comune nomina anche alcuni vertici delle IPAB. Importante la collaborazione con l'ASL 12 anche se spesso ci sono problemi tra Comune e azienda sanitaria. L'Amministrazione comunale ha introdotto il sistema dei voucher

Alle ore 9.55 esce il Consigliere Scarpa Alessandro ed entra il Consigliere Formenti

Alle ore 10.15 entra il Consigliere Scarpa Renzo

PELLEGRINI chiede quanti sono gli anziani che hanno bisogno di assistenza

GISLON risponde che necessitano di assistenza 1000 anziani e 300 disabili

VENTURINI fa presente che il Comune contribuisce al pagamento delle rette delle case di riposo. E' necessaria una revisione del costo del sociale ma i margini di manovra sono molto fissi. I trasporti costano di più che nelle altre città

VISMAN chiede il motivo per cui la sua mozione relativa al progetto del Presidente della Regione Luca Zaia di riforma dell'Azienda zero non è stata ancora calendarizzata

VENTURINI risponde che la mozione non è stata ancora trattata in quanto come amministrazione comunale ha già presentato delle osservazioni in Regione, evidenziando che l'azienda zero doveva avere il compito di controllare gli acquisti ma non pianificare le aziende delle province. L'azienda zero sembrava avere un ruolo di programmazione ma la cosa è stata ridimensionata

PELLICANI trova positivo che l'impianto dei servizi venga confermato anche se c'è bisogno di risparmiare. Chiede qual'è il ruolo della Fondazione Venezia. Chiede inoltre chiarimenti sui rapporti con l'ASL 12 e sui progetti speciali

VENTURINI risponde che i progetti speciali in orari serali o particolari non vengono più svolti. Novità sono la collaborazione con l'azienda sanitaria e il sistema per l'assistenza domiciliare tramite voucher, presi dall'ente accreditato Fondazione Venezia. Ci sarà un confronto anche con il Cavallino

GISLON sottolinea la riforma dell'assistenza domiciliare con l'introduzione dei voucher. Il regolamento poi prevede una relazione al Consiglio Comunale sulla sperimentazione dei voucher

GIACOMIN chiede quanti sono e a chi sono in carico i minori stranieri non accompagnati

VENTURINI risponde che i minori non accompagnati ricadono sulle Municipalità. Ogni Municipalità infatti ha un proprio bilancio sui minori. Bisogna però capire se tutto ciò ha un senso. Ci sono stati 350 ingressi di minori stranieri ma c'è un turnover

GISLON fa presente che la somma stanziata di 400 mila euro è una somma a finire

VENTURINI informa che la banca dati entrerà in funzione il prossimo anno. Tale strumento è utile per una comunicazione immediata tra tutti i servizi sociali ed istituti e per una equità di fondo

LAVINI chiede come si evolverà l'assistenza domiciliare con le IPAB e Fondazioni. Chiede inoltre chiarimenti in merito al trasferimento di deleghe all'azienda sanitaria. Suggerisce di cercare una soluzione ai problemi di convivenza tra abitanti e SERT in via Calabria

VENTURINI risponde che in Conferenza dei Sindaci si sta affrontando il tema delle deleghe con un approccio pragmatico. Sul Sert di via Calabria si ragionerà

FACCINI chiede che la centralizzazione dei servizi venga affrontata molto razionalmente per non smantellare quello che è stato costruito. In vista del passaggio delle deleghe, è necessaria una collaborazione con l'Asl. Inoltre bisogna ripristinare i progetti serali ,come quello in via Fratelli Bandiera i cui benefici si erano notati. Ritiene che le Municipalità siano molto importanti sul territorio

VENTURINI sottolinea l'importanza di punti di ascolto con persone molto qualificate. Non si vuole depotenziare le Municipalità delle loro funzioni ma si vuole invece rispondere in maniera omogenea ai bisogni senza frammentazione degli interventi. Si è sempre detto che il settore sociale era il fiore all'occhiello del Comune di Venezia ma questo ormai è un discorso retorico perchè ora mancano le risorse. E' un periodo difficile ma i tagli grossi sono già avvenuti.

CANTON chiede chiarimenti in merito alla riduzione degli orari e al costo dei progetti

VENTURINI risponde che i progetti vengono finanziati con risorse extracomunali ma si sta lavorando perchè i servizi vengano rimodulati. Ci sono molte patologie come la ludopatia e tante emergenze. I progetti costano 1 milione e 800 mila euro a fronte del 60% di entrate di entrate comunitarie

TOSI chiede cosa il Comune intenda fare per le persone senza fissa dimora. Alcune persone hanno la residenza in casa comunale

VENTURINI ritiene importante affrontare il problema valutando i singoli casi sociali che però devono essere in carico ai tecnici. Il servizio homeless costa circa 300 mila euro di cui 40 mila distribuiti alle mense della Caritas. Ci sono troppe emergenze di fronte a limiti di risorse

FIANO considera importante fare una campagna contro il fenomeno dell'alcol. Quindi invita a tenere conto dell'importanza dei servizi offerti dalle Municipalità

VENTURINI risponde che sull'alcol bisogna ripensare nuovi interventi, lavorando anche con le scuole

DE ROSSI sottolinea l'importanza di attivare sinergie corrette a prescindere dai colori dei partiti. E' importante anche l'approccio delle politiche sociali con tutti gli altri enti

Alle ore 11.15 esaurito l'ordine del giorno il Presidente dichiara sciolta la seduta

 

 

 

 

Atti collegati
convocazione tabella presenze resoconto sintetico
leggi apri leggi
 
 
A cura della segreteria della Commissione
Pubblicato il 30-09-2016 ore 10:38
Ultima modifica 30-09-2016 ore 10:38
Stampa