Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Gruppi consiliari > Movimento 5 Stelle > Consiglieri comunali > Elena La Rocca > Archivio atti > Interpellanza nr. d'ordine 771
Contenuti della pagina

Movimento 5 Stelle - Interpellanza nr. d'ordine 771

Logo Movimento 5 Stelle Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
771 100 26/05/2017 Elena La Rocca
 
Davide Scano
Sara Visman
Assessore
Paolo Romor
 
e p. c.
Al Presidente della XI Commissione
31/05/2017 30/06/2017 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
verbale seduta commissione consiliare24-11-2017Leggi

 

Venezia, 26 maggio 2017
nr. ordine 771
n p.g. 100
 

All'Assessore Paolo Romor


e per conoscenza

Al Presidente della XI Commissione
Alla Segreteria della Commissione consiliare XI Commissione
Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Rapporto numerico educatrici / bambini negli asili nido - INTERPELLANZA ex art. 8 del Reg. di CC

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che
- è competenza dell'ente locale l'autorizzazione, l'accreditamento e la vigilanza dei servizi sociali ai sensi della L.328/2000, art. 6, su cui ricadono anche i servizi per la prima infanzia;

- la Regione Veneto, con deliberazione del 16 gennaio 2007 n. 84, individua gli Standard relativi ai requisiti di autorizzazione all’esercizio e accreditamento istituzionale dei servizi sociali e di alcuni servizi socio sanitari (All. A); nel capitolo “Servizi di supporto alla famiglia – Prima Infanzia” indica i requisiti inerenti il rapporto numerico tra personale con funzione educativa e bambini specificando: “La pianta organica del personale con funzione educativa, assicura il rapporto numerico di:
- 1 unità ogni 6 bambini, di età inferiore ai 12 mesi;
- 1 unità ogni 8 bambini, di età superiore ai 12 mesi;
in relazione alla frequenza massima”
;

- il Regolamento dei servizi per l'infanzia del Comune di Venezia all'art. 4 - Standard di servizio, stabilisce che: “L'Amministrazione Comunale riconosce gli standard qualitativi e quantitativi vigenti (Comunità Europea, Stato e Regione) quali riferimenti per l'organizzazione e la gestione dei Servizi oggetto del presente Regolamento, stipula accordi con altre realtà erogatrici di Servizi, tenendo in considerazione tali standard e attuando il controllo attraverso l’utilizzo delle proprie strutture tecniche, pedagogiche ed amministrative (v. art. 10), con particolare riferimento a:
• rapporti numerici tra il personale docente ed il bambino;...


- il Regolamento per il personale educatore e docente dei nidi e scuole dell'infanzia stabilisce all'art. 7 – “Organico Asili Nido”:
1. L’organico degli asili nido è costituito da personale educatore titolare definito sulla base del rapporto numerico insegnante – bambino pari a 1 - 6 tenuto conto di quanto stabilito dalla Regione Veneto per questa tipologia di servizi. L’organico così costituito è integrato da n.1 unità di personale soprannumerario per ogni plesso. Nei nidi con capacità ricettiva di 60 bambini, potrà essere assegnata, previa verifica delle effettive esigenze e tenuto conto delle frequenze medie, una ulteriore unità titolare.
2. L’organico degli educatori viene potenziato in presenza di bambini portatori di handicap, debitamente certificato


Considerato che
- i genitori Rappresentanti dei Consigli di Nido hanno segnalato agli uffici dell'amministrazione comunale e più volte denunciato a mezzo a stampa che tale rapporto numerico non è rispettato;

 

- nell’asilo Colibrì, in data 28 marzo 2017, una bimba ha avuto le convulsioni febbrili: mentre una maestra chiamava i soccorsi e la seconda soccorreva la bimba, la terza si trovava a gestire 34 bambini 0-3 anni;
- il 7 aprile 2017, tramite Venezia Today, i 28 genitori Presidenti dei Consigli di Nido denunciavano diversi gravi episodi e in particolare:
> in presenza di 29 bambini, con 4 educatrici una bambina era riuscita ad arrampicarsi su un muretto rischiando di cadere da quattro metri di altezza;
> in presenza di 1 educatrice con 8 lattanti, al momento del cambio, tra un pannolino e l’altro, un bambino si era arrampicato sul termosifone e dallo stesso era caduto, venendo colpito in testa dal copri-calorifero rigido;
- nell’asilo Sole 4 educatrici si sono trovate con 35 bambini 0-3 anni dei quali due sono disabili.
- nell’asilo Millecolori 4 educatrici hanno dovuto accudire 36 bambini 0-3 anni, anche qui con un bimbo disabile;

Rilevato che
- mentre si ripete la denuncia circa la carenza di personale, la stampa riferisce della possibile chiusura di tre strutture: San Pietro in Volta, Cappuccetto Rosso e il nido aziendale Conchiglia, (Gazzettino, 13 maggio 2017): ci si chiede, qualora confermato, se siano scelte attraverso cui l'amministrazione ritiene di rispondere ai bisogni della cittadinanza;

Rilevato inoltre che

- in data 18 maggio i Presidenti dei Consigli di Nido hanno chiesto la convocazione urgente del Coordinamento dei Consigli di Nido, per discutere la situazione suddetta, che nonostante le criticità non ha visto l'intervento dell'Assessore;


Si interpella l'Assessore per sapere

quale sia la volontà dell'Amministrazione sui servizi educativi ed in particolare:
1) se s'intenda procedere alla chiusura di strutture e se ciò sia ritenuto un modo per far fronte al problema del rapporto numerico;
2) in che modo ritenga che l'eventuale chiusura di alcune strutture sia un’idonea risposta ai bisogni della cittadinanza;
3) se è vero che s'intendono proporre alle educatrici incentivi economici agli spostamenti e in caso affermativo, come si ritiene che questi incentivi possano riportare qualità e sicurezza negli asili.

 

Elena La Rocca

Davide Scano
Sara Visman

 
 
Pubblicata il 26-05-2017 ore 15:24
Ultima modifica 26-05-2017 ore 15:24
Stampa