Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Gruppi consiliari > Movimento 5 Stelle > Consiglieri comunali > Elena La Rocca > Archivio atti > Interpellanza nr. d'ordine 750
Contenuti della pagina

Movimento 5 Stelle - Interpellanza nr. d'ordine 750

Logo Movimento 5 Stelle Elena La Rocca
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
750 89 18/05/2017 Elena La Rocca
 
Sara Visman
Davide Scano
Assessore
Paolo Romor
 
e p. c.
Al Presidente della XI Commissione
19/05/2017 18/06/2017 in Commissione

 

 

Venezia, 18 maggio 2017
nr. ordine 750
n p.g. 89
 

All'Assessore Paolo Romor


e per conoscenza

Al Presidente della XI Commissione
Alla Segreteria della Commissione consiliare XI Commissione
Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Gestione della refezione negli asili nido comunali - INTERPELLANZA ai sensi dell'art. 8 del Reg. di C.C.

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che
- da mesi la stampa locale riferisce di alcune proteste da parte del personale dipendente di AMES occupato presso le scuole dell'infanzia comunali, dovute a organici insufficienti, retribuzioni solo per 10 o 11 mensilità invece che per tutto l'anno, disparità di trattamento per le indennità di servizio, carichi di lavoro appesantiti da mansioni e responsabilità che non trovano un'equa corresponsione economica;
- la stessa stampa riporta come l'Amministratore Unico AMES Gabriele Senno riconosca alcune delle criticità oggetto delle proteste e affermi: “..Per ciò che riguarda le indennità di servizio e la specificazione delle competenze è vero che esistono delle criticità. Siamo lavorando con il Comune sul primo aspetto per trovare una soluzione entro fine anno, mentre rispetto alle mansioni vogliamo condividere con i sindacati un elenco dei compiti così che ciascuno sappia che cosa deve fare” (Il Gazzettino – 4.12.2016)

- nei mesi di marzo e aprile sono pervenute alla consigliera scrivente diverse segnalazioni legate alla carenza di organico nelle cucine, agli spostamenti del secondo cuoco (laddove presente) da una struttura all'altra e all'assenza di un menù lattanti;

Considerato che

- i rappresentanti dell'Associazione per i Diritti dei Lavoratori ADL Cobas di Ames hanno chiesto in più occasioni e senza ottenere risposta, un incontro con i responsabili aziendali, con il Sindaco e con gli Assessori competenti per esporre la situazione dei lavoratori inquadrati come collaboratori di cucina con riferimento ad alcuni temi:

a) mansioni e responsabilità dei collaboratori di cucina;
b) mancata attribuzione di “aiuti cucina”, carenza di organico e relative difficoltà nell'erogazione del servizio;
c) investimenti nelle strutture e nella dotazione delle cucine;
d) problematiche relative al part-time verticale;

Rilevato che
nonostante l'importanza e delicatezza della funzione svolta dal suddetto personale e delle istanze espresse, ad oggi non risulta pervenuta alcuna risposta da parte degli organi aziendali né da parte dell'amministrazione;


Si interpella l'Assessore per sapere


1)
se corrisponda a verità che i cuochi sono inquadrati contrattualmente come “collaboratori di cucina” con retribuzioni che non corrispondono ai livelli di responsabilità ricoperta;
2) se corrisponda a verità il fatto che da quest'anno i cuochi non hanno più gli “aiuti cucina” e di delinearne eventualmente i motivi;
3) se corrisponda a verità che nel rapporto numerico numero di cuochi/numero di pasti, i pasti degli adulti (educatrici e personale ausiliario) non sono conteggiati;
4) se corrisponda a verità che non è previsto negli asili un menù differenziato per i lattanti in fascia d'età 0-12 mesi ed eventualmente per quale motivo, posto che i lattanti si nutrono differentemente dai bambini in fascia d'età 1-3 anni;
5) per quale motivo l'amministrazione non ha accolto la richiesta di incontro e se intenda farlo quanto prima;
6) per quale motivo si fornisce ai lattanti il pesto confezionato dal momento che tale alimento contiene frutta secca, la quale, nei bambini in fascia d'età 0-12 mesi, può scatenare allergie e disturbi.

 

Elena La Rocca

Sara Visman
Davide Scano

 
 
Pubblicata il 18-05-2017 ore 17:09
Ultima modifica 18-05-2017 ore 17:09
Stampa