Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Ordini del Giorno > Ordine del giorno nr. d'ordine odg_72
Contenuti della pagina

Ordine del giorno nr. d'ordine odg_72

Seduta del 29-07-2016

nr. d'ordine seduta del espressione di voto mozione/i di riferimento
odg_72 29-07-2016 approvato all'unanimitÓ
tabella votazione
435

 

 

Oggetto: Centro Previsioni e Segnalazioni Maree; nuove denominazioni - MOZIONE collegata alla P.D. 289/2016 su 'Scioglimento delle Istituzioni del Comune di Venezia denominate Istituzione Centro Previsioni e Segnalazioni Maree, Istituzione per la conservazione della Gondola e la tutela del Gondoliere, Istituzione Parco della Laguna, Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa'

 

Il Consiglio Comunale
 

Premesso che

1) in data 29 giugno 2016 la Giunta del Comune di Venezia ha deliberato in merito alla “Struttura organizzativa del Comune di Venezia – Riorganizzazione” (DG 189/16);

2) con tale delibera è stata approvata la nuova macrostruttura organizzativa; l'allegato A descrive la nuova Macrostruttura e rappresenta le strutture al livello di Direzioni – Settori dirigenziali operative dal 1° settembre 2016;

3) con l'allegato C alla DG 189/16 sono state approvate altresì le linee guida per la definizione delle strutture a livello di posizioni organizzative/AP (servizi); entro il 20.09.2016 tali strutture dovranno essere successivamente dettagliate ed integrate dai relativi direttori e dirigenti responsabili;

Considerato che

con PD 289/2016 la Giunta chiede al Consiglio Comunale di deliberare:
- lo scioglimento di alcune delle Istituzioni del Comune di Venezia, tra cui l'Istituzione Centro Previsioni e Segnalazione Maree;
- di “dar mandato alla Giunta Comunale di definire con appositi provvedimenti le modalità per l'internalizzazione delle funzioni trasferite alle Istituzioni oggetto dello scioglimento, mediante assegnazione della gestione delle stesse alle Direzioni comunali competenti per materia”;

Ritenuto che

- il Centro previsioni e segnalazioni maree è una eccellenza di Venezia, riconosciuta in tutto il mondo, e collabora con i più grandi gruppi operativi e di ricerca nazionali ed internazionali; modificare il nome di questo Servizio in un generico "maree", rischia di far perdere, agli occhi degli interlocutori esterni, riconoscibilità, identità ed autorevolezza quando può contribuire a rafforzare la posizione della Città sul palcoscenico internazionale;

- mantenere il nome "Centro Previsioni e Segnalazioni Maree" comunica a tutto il mondo le vaste conoscenze sulla marea acquisite dal Comune di Venezia in più di 30 anni di attività volta a contenere i danni provocati dalle "acque alte" ed implica ribadire alla città la volontà di dare continuità dell'operato dei suoi tecnici e di salvaguardarne l'eccellenza acquisita;

- la prossima fine dei cantieri del Mo.S.E. implicherà la revisione delle procedure e dei protocolli di salvaguardia della gronda lagunare dai fenomeni mareali. In tal senso pare importante comunicare, anche attraverso il nome del Servizio, che l'Amministrazione non vuole rinunciare ad un ruolo chiave e centrale in tale imminente e delicato processo di rinnovamento;

- i compiti istituzionali assegnati alla Protezione Civile comunale vanno molto al di là della gestione del rischio industriale. I tecnici comunali e i volontari sono preparati a gestire tutti i tipi di rischio che la normativa vigente impone loro di affrontare ed è opportuno che la denominazione del settore non ne svilisca la complessità;

Tutto quanto sopra premesso, considerato e ritenuto
il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta a

modificare, all'interno della microstruttura della Direzione Polizia Municipale così come riportata nelle Linee guida per la definizione delle strutture a livello di posizioni organizzative/AP - allegato C alla DG 189/2016, la denominazione del settore “Protezione civile, rischio industriale e maree” con “Protezione civile Rischio industriale Centro Previsioni e Segnalazioni Maree”

 

 
 
A cura della Segreteria della Presidenza del Consiglio comunale
Pubblicato il 01-08-2016 ore 11:50
Stampa