Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Gruppi consiliari > Partito Democratico > Consiglieri comunali > Monica Sambo > Archivio atti > Interrogazione nr. d'ordine 1855
Contenuti della pagina

Partito Democratico - Interrogazione nr. d'ordine 1855

Logo Partito Democratico Monica Sambo
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
1855   31/03/2020 Monica Sambo
 
Emanuele Rosteghin
Sindaco
Luigi Brugnaro
    scritta

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
annullamento31-03-2020Leggi

 

Venezia, 31 marzo 2020
nr. ordine 1855
n p.g. ........
 

Al Sindaco Luigi Brugnaro


e per conoscenza

Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: COVID19 - Distribuzione mascherine protettive ai Cittadini: quali criteri e quali modalitÓ?

Tipo di risposta richiesta: scritta

 

Premesso che

- in data 31/01/2020, il Consiglio dei Ministri ha proclamato lo “Stato di Emergenza”, su tutto il territorio nazionale, per un periodo di 6 mesi;

- con il D.L.23 febbraio 2020, n.6, il D.P.C.M. del 23 febbraio 2020 e i successivi provvedimenti veniva confermata e ribadita la elevata e crescente gravità e pericolosità del contagio in atto nonché la necessità di attivare tutte le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID19”;

- fin dal sorgere dell’emergenza si è da subito evidenziata l’estrema difficoltà da parte dei cittadini a reperire i più basilari presidi sanitari (maschere anti-contagio, gel disinfettanti, guanti in lattice…).

Considerato che

- più volte, in queste settimane, è stato annunciato dalle Istituzioni il reperimento e la possibilità quindi di distribuire alla cittadinanza, secondo criteri definiti, le mascherine idonee a difendere dal contagio, raccomandandone da un lato l’impiego ma senza che le medesime venissero effettivamente distribuite;

- solo in data 22/03/2020 il sito del Comune di Venezia pubblicava il seguente annuncio: “Coronavirus: al via la distribuzione delle mascherine: Le 21.000 mascherine fornite dalla Regione Veneto saranno consegnate da lunedì 23 marzo, dai volontari della Protezione civile comunale alle 15 farmacie comunali gestite da AMES e a quelle private.”;

- nelle successive 24 ore pare che le mascherine siano state distribuite senza criteri precisi ed uniformi e senza un coordinamento, lasciando che ogni farmacianegozio adottasse modalità autonome per la consegna, e le stesse sono state distribuite ad alcune associazioni del territorio e non ad altre;

- analogamente, in data 20/03/2020, si apprende dalla stampa che una fornitura di 20.000 mascherine protettive, donate dalla città cinese di Suzhou, gemellata con Venezia, è arrivata all’aeroporto di Malpensa ed è già stata recuperata dai volontari della Protezione Civile, ma, ad oggi, non siamo a conoscenza di quale distribuzione abbia avuto.

- altre città come il Comune di Padova hanno deciso di destinare le mascherine provenienti dalla Cina al Personale Sanitario in maniera prioritaria, ai medici di base, ai pediatri che operano nel territorio comunale, Croce Verde, Croce Rossa e agli operatori del comune che sono a diretto contatto con il pubblico.



Considerato inoltre che


- Già nel pomeriggio del 24 marzo in molte farmacie le mascherine della Regione Veneto risultavano esaurite e in altre dovevano essere ancora consegnate e pare senza una precisa registrazione e regolamentazione del ritiro come diversamente fatto in altri comuni;

- molte famiglie sono ancora prive della possibilità di utilizzare questo ausilio e continuano a farne richiesta alla protezione civile;




TUTTO QUANTO PREMESSO E CONSIDERATO,
SI INTERROGANO IL SINDACO, E gli assessori COMPETENTI PER SAPERE:


- quali siano stati i criteri secondo i quali si sia deciso di distribuire le mascherine provenienti dalla regione veneto;

- quale sia l’elenco completo dei soggetti ai quali dette mascherine siano state consegnate per la distribuzione;

- se è stata presa in considerazione l’opportunità di utilizzare le Municipalità e, in generale, gli uffici comunali decentrati per l’organizzazione della distribuzione, evitando il più possibile assembramenti, magari attraverso scaglioni alfabetici o altro;

- quali criteri di efficacia ed efficienza siano stati preventivati per le future distribuzioni alla cittadinanza;

- se non sia ipotizzabile allegare alla mascherina anche un foglio informativo che ne indichi modalità di utilizzo e ricordi le principali azioni da tenere in questo periodo;

- a quali soggetti e con quali criteri sono state consegnate le mascherine donate dalla città cinese di Suzhou.

 

Monica Sambo

Emanuele Rosteghin

 
 
Pubblicata il 31-03-2020 ore 20:40
Ultima modifica 31-03-2020 ore 20:40
Stampa