Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Gruppi consiliari > Partito Democratico > Consiglieri comunali > Monica Sambo > Archivio atti > Interrogazione nr. d'ordine 1738
Contenuti della pagina

Partito Democratico - Interrogazione nr. d'ordine 1738

Logo Partito Democratico Monica Sambo
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
1738 273 26/10/2019 Monica Sambo
 
Rocco Fiano
Bruno Lazzaro
Giovanni Pelizzato
Nicola Peliccani
Sindaco
Luigi Brugnaro
 
e p. c.
Al Presidente della IX Commissione
 
inoltrata a
Assessore Simone Venturini
31/10/2019 30/11/2019 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
delega04-11-2019Leggi

 

Venezia, 26 ottobre 2019
nr. ordine 1738
n p.g. 273
 

Al Sindaco Luigi Brugnaro


e per conoscenza

Al Presidente della IX Commissione
Alla Segreteria della Commissione consiliare IX Commissione
Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Quale futuro per le lavoratrici e i lavoratori del gruppo Auchan e per i lavoratori dei punti vendita nel territorio della CittÓ Metropolitana

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che
• il 31 luglio u.s. il Gruppo Conad ha chiuso un accordo con Auchan Retail per l'acquisizione della quasi totalità dei circa 1.600 punti vendita di Auchan in Italia;
• tra i punti vendita interessati ci sono anche quelli presenti sul territorio del Comune di Venezia;
• secondo i dati riportati dai sindacati l’operazione, nel Comune di Venezia, interessa 247 dipendenti diretti del gruppo, per lo più lavoratrici donne, oltre ad altri 500 lavoratori occupati nell’indotto, nelle aziende dell’area Metropolitana di Venezia;
• tra i punti vendita in difficoltà ci sono anche 33 lavoratori del punto Simply di Mira, 15 lavoratori di Quarto d’Altino e quelli del punto vendita Simply di Mestre che stanno affrontando il medesimo rischio di perdita del posto di lavoro;
Atteso che
• si apprende dalla stampa che si sono interrotte le trattative tra sindacati e gruppo Conad, in quanto la nuova proprietà aziendale non starebbe fornendo sufficienti garanzie per la tutela dei posti di lavoro;
• l’eventuale perdita dei posti di lavoro avrebbe una ricaduta grave per il Comune di Venezia in termini economici e sociali;
Ritenuto che
• il Comune di Venezia, oltre ad esprimere la propria solidarietà ai lavoratori e lavoratrici a rischio di licenziamento, debba adoperarsi per promuovere una soluzione positiva della vertenza che garantisca i redditi e i diritti dei lavoratori interessati dal passaggio aziendale, scongiurando ripercussioni critiche sul tessuto economico-sociale;
• il Comune di Venezia debba attivarsi presso la Regione del Veneto affinché istituisca urgentemente un tavolo di confronto tra le parti, per dare soluzione positiva alla vertenza;
TUTTO QUANTO PREMESSO E CONSIDERATO,
SI INTERROGA L’ASSESSORE COMPETENTE PER SAPERE
• se intenda esprimere ufficialmente la solidarietà di tutto il Comune di Venezia alle lavoratrici e ai lavoratori a rischio di licenziamento;
• se intenda adoperarsi urgentemente per promuovere una soluzione positiva della vertenza che garantisca i redditi e i diritti dei lavoratori interessati dal passaggio aziendale;
• se intenda attivarsi presso la Regione del Veneto affinché istituisca urgentemente un tavolo di confronto tra le parti, per dare soluzione positiva alla vertenza;
• se intenda convocare urgentemente una Commissione consiliare per permettere l’analisi nel dettaglio della situazione.

 

Monica Sambo

Rocco Fiano
Bruno Lazzaro
Giovanni Pelizzato
Nicola Peliccani

 
 
Pubblicata il 26-10-2019 ore 14:30
Ultima modifica 26-10-2019 ore 14:30
Stampa