Sei in: Home > Comune > Consiglio comunale > Gruppi consiliari > Liga Veneta Lega Nord Padania > Consiglieri comunali > Silvana Tosi > Archivio atti > Interrogazione nr. d'ordine 1676
Contenuti della pagina

Liga Veneta Lega Nord Padania - Interrogazione nr. d'ordine 1676

Logo Liga Veneta Lega Nord Padania Silvana Tosi
nr. d'ordine nr. protocollo data pubbl. proponente assessore competente data protocollo data scadenza tipo risposta
1676 218 14/08/2019 Silvana Tosi
 
Giovanni Giusto
Assessore
Michele Zuin
 
e p. c.
Alla Presidente della X Commissione
 
inoltrata a
Sindaco Luigi Brugnaro
 
inoltrata a
Vicesindaco Luciana Colle
26/08/2019 25/09/2019 in Commissione

 
tipo comunicazionedata pubblicazionetesto
verbale seduta commissione consiliare26-02-2020Leggi
delega04-09-2019Leggi
dichiarazione di non competenza29-08-2019Leggi

 

Venezia, 14 agosto 2019
nr. ordine 1676
n p.g. 218
 

All'Assessore Michele Zuin


e per conoscenza

Alla Presidente della X Commissione
Alla Segreteria della Commissione consiliare X Commissione
Alla Presidente del Consiglio comunale
Al Sindaco
Al Capo di Gabinetto del Sindaco
Ai Capigruppo Consiliari
Al Vicesegretario Vicario

 

Oggetto: Bando ad evidenza pubblica per la locazione di 60 alloggi in localitÓ Gazzera - via Mattuglie. CriticitÓ. Risposta urgente in Commissione.

Tipo di risposta richiesta: in Commissione

 

Premesso che:

- la Giunta Comunale con deliberazione n. 257 del 26 ottobre 2017 ha approvato gli indirizzi per i requisiti ed i criteri di punteggio per l’emanazione di un bando ad evidenza pubblica valido per la locazione in Social Housing di 60 alloggi previsti nell’intervento di Riqualificazione Urbana per Alloggi a Canone Sostenibile in località Gazzera - via Mattuglie.

Considerato che:


- il progetto del social housing di via Mattuglie risale al 2007 e che la realizzazione dei suddetti appartamenti, pensati per la classe media e pronti da circa due anni, è avvenuta tramite l’Immobiliare Veneziana - IVE, società partecipata del Comune di Venezia al 99,52%, i cui tre obiettivi sono: trasformare, recuperare e migliorare, (di AVM, società partecipata allo 0,48%).

Visto che:

- i criteri di realizzazione di tali immobili dovrebbero essere stati di alta qualità urbanistica, infatti detti alloggi sono dotati di pannelli fotovoltaici e di una centrale di teleriscaldamento.

Rilevato che:


- dal 1° luglio 2018 era pronta la graduatoria dei 60 alloggi in S.H. Per partecipare al bando era richiesto un reddito annuo del nucleo familiare non superiore a 52mila euro ed un reddito minimo non inferiore a 20mila euro. Nei criteri di assegnazione venivano accreditati 10 punti a chi, alla data di pubblicazione del bando, lavorava e risiedeva nel territorio della Città Metropolitana di Venezia da almeno 10 anni; 10 punti per chi aveva lo sfratto in corso; unica condizione non aver superato i 40 anni di età da parte di tutti i componenti del nucleo familiare; per ogni figlio a carico venivano attribuiti 5 punti.

Atteso che:


- il canone di affitto per un appartamento di circa 70 metri quadri si aggira intorno ai 450 euro mensili e che decine di utenti aventi diritto si sarebbero ritirati a causa sia dell’entità, economicamente impossibile, di detto canone, cui vanno sommati i costi di riscaldamento, elettricità, condominio, ecc., sia dell’assenza di un garage e di un magazzino.

Tutto ciò premesso,

Si interrogano il Sindaco e gli Assessori competenti per sapere se:


1) corrisponda al vero che:

a) i pannelli fotovoltaici non siano collegati adeguatamente;
b) il condizionamento d’aria non sia funzionante, poiché non sono stati ancora posizionati i motori esterni ed interni;
c) il Comune di Venezia, in accordo con la Società IVE, abbia scelto l’immobile da assegnare all’inquilino posto sino alla 86^ posizione in graduatoria e se dall’87^ posizione in poi, invece, sia stata data all’utente la facoltà di scelta dell’alloggio.

2) si intenda sistemare i cornicioni in alluminio, attorno agli immobili, che si stanno staccando.

3) la piazzetta interna potrà essere usufruita solo dai titolari degli alloggi, quale punto di aggregazione e socializzazione, posizionando un’adeguata recinzione con cancelli, regolarmente autorizzata dagli uffici competenti.

4) si pensa di intervenire con la dovuta potatura delle alberature e manutenzione del manto erboso che si trovano tra gli immobili e gli istituti scolastici di via don Ettore Fuin (ex via Mattuglie).

5) gli alloggi non assegnati (circa 30) verranno consegnati attraverso l’indizione di un nuovo BANDO SOCIAL HOUSING con i medesimi criteri e requisiti del precedente.

 

Silvana Tosi

Giovanni Giusto

 
  1. Silvana Tosi
  2. Archivio atti
 
Pubblicata il 14-08-2019 ore 15:49
Ultima modifica 14-08-2019 ore 15:49
Stampa